Falsi requisiti per il personale marittimo, 23 indagati rischiano il processo

Bufera giudiziaria sulla Star Center Italia di Castel Volturno: chiuse le indagini

L'inchiesta su una società di Castel Volturno

Bufera giudiziaria sulla società di Castel Volturno, la Star Center Italia e Wats. Il pubblico ministero della Procura sammaritana, Gerardina Cozzolino ha concluso le indagini preliminari ed ha notificato gli avvisi ai 23 indagati.

E’ il primo passo verso il processo per tutti gli indagati che hanno visto loro notificare gli atti. E’ ipotizzata da parte della Procura una vera e propria associazione a delinquere finalizzata a commettere, dietro pagamento numerosi delitti di falso. In capo alla lista figura Raffaele Trapanese amministratore legale della Star Center e sua moglie Anna Di Fresco. Con loro risultano inquisiti l’intero staff societario tra cui Monia Masiello, Luca di Fresco, Christian Mirasola, Salvatore Costagliola D’Abele, Francesco Ortino, Sandro Poma, Pietro Salipante, Carlo Sorrentino, Mario Laurio, Luigi Fidalco, Antonio Ortolano, Francesco Montano, Francesco Benevento, Davide Mantero, Antonio Troiano, Walter Capodanno, Paola Grimaldi, Roberto De Angelis, Teresa Castiello, Pasquale De Rosa, Pasquale Lombardi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Particolarmente gravoso il quadro indiziario sia a carico dei vertici della Star Center Italia che dei funzionari del Ministero. Stando alla contestazione si legge gli indagati, legati a vario titolo alla Star Center, di cui Trapanese era amministratore e direttore dei corsi di formazione autorizzati dal Ministero delle Infrastrutture insieme alla moglie Anna Di Fresco, si associavano tra loro e con i propri dipendenti, tra cui Monia Masiello, e con gli istruttori dei corsi e commettevano più delitti di falso mediante l’alterazione delle procedure per il rilascio tese a garantire alle autorità competenti il possesso dei requisiti professionali per l’esercizio delle funzioni lavorative nel campo marittimo; in particolare nelle procedure di sicurezza delle navigazioni e della salvaguardia della vita umana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento