rotate-mobile
Cronaca Lusciano

Falsi incidenti per truffare l'assicurazione: 8 condannati

Il giudice ha prosciolto altri 4 imputati mentre 2 sono state le assoluzioni

Otto condanne, due assoluzioni e quattro sentenze di non luogo a procedere per tardività della querela. Questo il verdetto pronunciato dal giudice Sandro Saba del tribunale di Milano nei confronti di 14 persone accusate di aver effettuato falsi incidenti al fine di chiedere il risarcimento danni alla compagnia assicurativa Axa. 

Il giudice ha inflitto un anno e 6 mesi nei confronti di Ciro Zampella, 57enne originario di San Marcellino, e Tindara Grassia, 35enne di Aversa; mentre 1 anno a testa è stato inflitto a Marco Corvino, 35enne di Casal di Principe; Luigi Verdino, 50enne di San Marcellino; Massimo Diana, 51enne di San Cipriano d'Aversa; Luciano Costanzo, 56enne di Lusciano; Giuseppina Mincione, 81enne di San Cipriano d'Aversa; e Santolo Abate, 64enne di Assisi (con la sospensione per Corvino, Verdino, Grassia e Mincione subordinata al risarcimento dei danni nei confronti della compagnia assicurativa).

Sentenza di non luogo a procedere perché l'azione giudiziaria non doveva essere iniziata per tardività della querela nei confronti di: Giovanni Picardi, 30enne di Acerra difeso dall'avvocato Luigi Marrandino; Elena Pisa, 48enne di Napoli; Patrizia Tirozzi, 41enne di Giugliano in Campania, Maurizio Lampitiello, 52enne di Giugliano in Campania (entrambi difesi dall'avvocato Mario Griffo). Assolti Ilenuta Bratu, 36enne rumena residente a Foligno; ed Antonio Buonanno, 51enne di Napoli difeso dall'avvocato Rosario Capasso. Nel collegio difensivo sono stati impegnati anche gli avvocati Domenico Della Gatta, Pasquale Davide De Marco, Giovanna Amore e Rosa Cristiano.

Secondo l'accusa avrebbero falsamente dichiarato il verificarsi di sinistri - avvenuti tra Santa Maria Capua Vetere, Acerra, Lusciano, San Tammaro, Cellole e San Cipriano d'Aversa - al fine di conseguire il risarcimento da parte della compagnia Axa Assicurazioni per danni ai veicoli o anche lesioni personali (corredate anche da certificazione medica). Incidenti che secondo l'impianto accusatorio non si sarebbero mai verificati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi incidenti per truffare l'assicurazione: 8 condannati

CasertaNews è in caricamento