Cronaca

Il capo ‘truffato’ dopo un falso incidente. “Io mi pento come un boss e faccio arrestare tutti”

Lo sfogo di Simmaco Palmiero con la sorella intercettato dai carabinieri

“Io ora chiamo i carabinieri e collaboro con la giustizia e ce ne andiamo carcerati. Prendiamo trecento anni di carcere, tanto 20 già li tengo, e perché ormai che sto a fare fuori, figli non ne tengo più, qui la famiglia te lo mette in c…”. E’ lo sfogo di Simmaco Palmiero che i carabinieri della compagnia di Caserta hanno registrato in diretta mentre parlava con la sorella Rosa e che aiuta gli inquirenti a ricostruire le vicende relative alle truffe assicurative che erano state perpetrate tra Caserta e Casagiove.

Il 42enne di Casagiove si sfoga sul mancato versamento dell’ultima tranche di soldi arrivata dalla liquidazione di un falsi sinistro stradale da Antonio Comune (indagato a piede libero, nda), al quale aveva poi fatto rubare l’automobile per vendetta e per costringerlo a riconsegnarli i 1900 euro che ancora gli deve. Palmiero è irritato con la sorella perché crede che sia stata lei a rivelare il mandante del furto, commesso da Agostino Capone di Caserta, tanto da spingere Comune a rivalersi nei loro confronti, minacciando anche di recarsi dai carabinieri.

Parole che spingono Palmiero a prospettare la possibilità di andare egli stesso dalle forze dell’ordine e pentirsi. “Se un boss si pente che tiene 100 soldati, li arrestano tutti e 100 o no?” chiede alla sorella dalla quale vuole una intermediazione con Capone che aveva avuto 400 euro da Simmaco Palmiero per rubare l’automobile. “Io sto come il pazzo qui” aggiunge: “Io sto legato col braccialetto (è ai domiciliari, nda). I soldi li tengo. Tengo 30mila euro ora qui, me ne voglio andare in carcere, mi voglio cantare tutti”.

La sorella prova a dissuaderlo annunciando un proprio intervento per cercare di districare la vicenda. Antonio Comune poi riuscirà a riavere l’automobile, pagando 400 euro ad Agostino Capone: la vettura, rubata a Casagiove, sarà ritrovata nei pressi del rione Santa Rosalia a Caserta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il capo ‘truffato’ dopo un falso incidente. “Io mi pento come un boss e faccio arrestare tutti”

CasertaNews è in caricamento