rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Cronaca Frignano

False fatture e botte: "Lo picchio davanti a tutti per la soffiata alla finanza"

Le intercettazioni tra Ferri e Stabile dopo il blitz nella sede di Edilizia srl

Una punizione esemplare. E' quella che Vincenzo Ferri, il 38enne di Frignano coinvolto nell'inchiesta sulle false fatture condotta dalla guardia di finanza di Aversa, vuole infliggere ad un certo Mario dopo il blitz da parte delle fiamme gialle che ha portato alla luce la sede "occulta" della Edilizia srl.

Una circostanza che emerge da un'intercettazione telefonica intercorsa tra Ferri e Carlo Stabile, 55enne di Cancello ed Arnone anch'egli arrestato dalla finanza e ritenuto uno dei riciclatori del denaro di Edilizia srl. Ed in occasione della perquisizione delle fiamme gialle alla sede della società a Carinaro i due si chiedono chi possa aver fatto la "soffiata" alle forze dell'ordine.

Ed i sospetti cadono su un tale Mario che Stabile vuol guardare negli occhi prima di prendere qualsiasi provvedimento. Ma Ferri è sicuro della colpa di Mario ed afferma di "volerlo picchiare davanti a tutti". Una punizione esemplare sia per punire l'eventuale delazione sia per dissuadere altri dal rendersi protagonisti di analoghi tradimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False fatture e botte: "Lo picchio davanti a tutti per la soffiata alla finanza"

CasertaNews è in caricamento