rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Cronaca Casaluce

False assunzioni per truffare l’Inps: tutti assolti

Verdetto favorevole ai 6 imputati dal giudice di Napoli Nord: “Il fatto non sussiste”

False assunzioni in una ditta agricola di Casaluce. Questo il motivo per cui il titolare dell'azienda e 5 dipendenti sono finiti sotto processo per una presunta truffa ai danni dell'Inps. Nei giorni scorsi per loro è arrivato il verdetto. Il giudice Napolitano del tribunale di Napoli Nord ha assolto tutti gli imputati - residenti a Casaluce, Teverola, Carinaro e Frignano - perché il fatto non sussiste.

Il giudice, al termine di un lungo dibattimento, ha assolto gli imputati non ravvisando nelle loro condotte alcunché di penalmente rilevante. A far scattare le indagini è stata la segnalazione di un funzionario dell'Inps che aveva ravvisato anomalie nelle assunzioni. Per l'Ente previdenziale quei contratti di lavoro sarebbero stati fittizi e sottoscritti con la sola finalità di far percepire indebitamente le indennità previste (disoccupazione, malattia o maternità).

Nel corso del processo sono stati ascoltati sia i funzionari dell'Inps sia i militari della guardia di finanza che hanno condotto le indagini sul caso. Le argomentazioni sostenute sono state demolite dal collegio difensivo che è riuscito a dimostrare l'estraneità dei propri assistiti dai fatti contestati. Gli imputati sono stati difesi dagli avvocati Giovanni Andrea Puoti, Nicola Basile e Annamaria Ferriero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False assunzioni per truffare l’Inps: tutti assolti

CasertaNews è in caricamento