Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Ex militare assolto per omicidio dopo 10 anni di processi

D'Agostino ha agito per legittima difesa: "Ringrazio la magistratura che mi ha tenuto in carcere come un camorrista"

Antimo D'Agostino

Non ci fu la rapina e nemmeno l'aggressione mortale ma fu legittima difesa. Protagonista dello sliding doors giudiziario, a distanza di 10 anni dai fatti, Antimo D'Agostino, 40enne di Capua, che è stato assolto dall'accusa di aver ucciso un uomo, l'albanese Malaj Xhevair e di aver rapinato un altro. Assoluzione anche per Michele Marchi, accusato solo di rapina. 

La sentenza è stata pronunciata dalla Terza Sezione della Corte d'Assise d'Appello di Napoli, presieduta dal giudice Vincenzo Mastursi, che ha scagionato D'Agostino dopo l'annullamento della precedente sentenza di condanna da parte della Corte di Cassazione. Una storia di malagiustizia, quella del 40enne ex militare, difeso dall'avvocato Mauro Iodice, a cui nessuno restituirà 10 anni di vita di fatto persi.

La vicenda inizia nell'agosto del 2009 quando D'Agostino venne arrestato per l'omicidio. Secondo la ricostruzione effettuata all'epoca dagli organi inquirenti nella notte tra il 18 ed il 19 agosto avrebbe, insieme a Marchi, tentato di rapinare due albanesi nella strada interpoderale, abituale ritrovo di prostitute, nei pressi del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Ne nacque una colluttazione con Malaj che venne ferito con un coltello da parte di D'Agostino e morì. 

Fatti per cui D'Agostino venne condannato prima a 24 anni di reclusione dalla Corte d'Assise di Santa Maria Capua Vetere, pena poi ridotta in Appello a 20 anni. La Corte di Cassazione, però, aveva ritenuto poco credibile la versione dell'altra vittima dell'aggressione credendo a quella del militare che, dopo oltre 5 anni di carcere, continuava a sostenere con forza di aver reagito ad un'aggressione subita in maniera ingiusta. 

Oggi l'incubo è finito con la Corte d'Appello che si è nuovamente pronunciata sul caso scagionandolo completamente da tutte le accuse. "Ringrazio di vero cuore la mia cara mamma e i miei cari - ha scritto D'Agostino su Facebook dopo la pronuncia della corte partenopea - Di vero cuore il grande avvocato Mauro Iodice che senza soste ha sempre creduto in me. Ringrazio la magistratura che dopo 6 lunghi anni mi ha tenuto in carcere come un camorrista, invece sono un militare, non ho rancori con nessuno nè tantomeno mi aspetto qualcosa che potrà ridarmi in dietro 10 anni della mia vita. Ma di certo c'è un dato importante: sono un uomo libero... Sono tanti i ringraziamenti, anche a coloro che mi hanno usurpato la mia dignità la buona persona che sempre mi sono posto voglio solo ringraziare tutti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex militare assolto per omicidio dopo 10 anni di processi

CasertaNews è in caricamento