Cronaca

Evasione fiscale da 170mila euro, imprenditore assolto dal giudice

Era accusato del mancato versamento dell'Irpef per gli anni 2011-2012

La sentenza pronunciata dal giudice di Santa Maria Capua Vetere

Un'evasione fiscale da 170mila euro. Questo il motivo per il quale era finito sotto processo un imprenditore 56enne di Marcianise. Oggi, al termine del processo, il giudice Cardullo del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha assolto l'imputato.

Secondo la contestazione iniziale l'imprenditore avrebbe utilizzato una dichiarazione infedele per evitare il pagamento dell’Irpef per gli anni 2011/2012.  I difensori, gli avvocati Gianluca Giordano e Giovanni Plomitallo, hanno argomentato in diritto, presentando anche copiose Sentenze della Suprema Corte di Cassazione, evidenziando come nel caso di specie la presunta violazione riguardasse dichiarazioni integrative e non annuali, cioè le cosiddette Dichiarazioni Uniche, chiedendo quindi l’assoluzione del proprio assistito. Una tesi che è stata accolta dal magistrato che ha assolto l'imputato con formula piena. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale da 170mila euro, imprenditore assolto dal giudice

CasertaNews è in caricamento