Ragazzo evade dai domiciliari: il giudice lo assolve

Il giovane era uscito nel giardino di casa per aiutare dei ragazzini inseguiti dal suo cane: è stato assolto per tenuità del fatto

(foto di repertorio)

E' stato assolto L. G., giovane di San Marcellino detenuto in casa ai domiciliari, sorpreso dalla polizia giudiziaria nel giardino di casa e tratto a processo dinanzi al Tribunale di Napoli Nord per evasione. Il ragazzo ha raccontato, al processo, di abitare al piano terra e di essere uscito sul balcone di casa perchè sentiva le urla di alcuni ragazzini spaventati. Tale racconto è stato supportato dalle testimonianze dei ragazzini e dei vicini di casa, inseguiti dal cane del giovane che ha tentato di morderli.

Vista la situazione di necessità, l'imputato è uscito fuori prima sul balcone al piano terra e poi sull'aiuola adiacente per cercare di prendere il cane. La difesa, in persona dell'avvocato Gennaro Caracciolo, ha rappresentato che l'intento del giovane sammarcellinese non era quello di violare l'ordine dell'autorità, ma quello primario di evitare un danno ai ragazzini. Ha rappresentato che, ad ogni modo, la condotta era di minima pericolosità, ritenuto che il giovane non era uscito nemmeno dal condominio dove abitava. Il giudice Farina ha accolto l'ultima tesi difensiva ed ha assolto l'imputato per tenuità del fatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento