CAMORRA Pizzo ai commercianti, blitz contro il clan: 6 arresti

La banda imponeva i propri gadget agli esercenti, scacco al clan Mazzara

Sei ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite questa mattina dai carabinieri della Compagnia di Aversa nei confronti di esponenti del clan Mazzara. I sei arrestati, 4 finiti in carcere e due agli arresti domiciliari, sono accusati di estorsioni ai danni di commercianti di Cesa, ai quali imponevano l’acquisto di gadget.

In carcere sono finiti Luca Scarano, 26enne di Aversa (al quale viene contestata l'associazione camorristica), Santo Riccio (non ancora trovato dai carabinieri), Vincenzo Marino, 49enne di Cesa, e Tammaro Scarano (già recluso e diventato collaboratore di giustizia), mentre ai domiciliari Carlo Abategiovanni, 25enne di Villaricca e Aniello Pecovella, 24enne di Aversa.

Gli arrestati, finiti nel mirino della Direzione Distrettuale Antimafia, sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso, detenzione illegale di armi e munizioni ed estorsione, aggravati dalla finalità mafiosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagine sarebbe partita proprio dalle dichiarazioni rese da Tammaro Scarano, principale autore delle condotte estorsive contestate, il quale ha ammesso le sue responsabilità ed ha chiamato in correità i complici. Tammaro Scarano è già stato condannato a 13 anni di carcere nell'ambito di una indagine sul clan Mazzara di Cesa. Gli episodi estorsivi contestati alla banda sono sette, commessi tra il 2013 e il 2017 ai danni di commercianti di Cesa: due in macellerie e poi in una sala giochi, un supermercato e ai danni di un ragazzo. Le attività investigative hanno fatto luce su una serie di estorsioni ai danni di commercianti poste in essere attraverso l’imposizione di beni, quali ad esempio gadget pubblicitari, o la classica richiesta di periodiche somme di denaro nelle festività natalizie o pasquali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento