Chieste 4 condanne per le estorsioni ai commercianti

Imponevano i gadget di Natale. La Dda 'aiutata' da un pentito

Ventiquattro anni di carcere sono stati chiesti per quattro imputati considerati dagli inquirenti esponenti del clan Mazzara di Cesa. Come riporta Cronache di Caserta, la Dda ha chiesto 8 anni per Luca Scarano, sette anni per Santo Riccio, 6 anni per Aniello Pecovela, tre anni per Tammaro Scarano (collaboratore di giustizia). Secondo la ricostruzione della Dda di Napoli i quattro avrebbero imposto le estorsioni ai commercianti di Cesa tramite l'imposizione dei gadget da regalare nei periodi di festa, soprattutto a Natale. Importanti, per svelare i retroscena, le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Tammaro Scarano che ha aiutato gli inquirenti a delineare il quadro investigativo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento