menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tra i condannati anche Biagio Ianuario

Tra i condannati anche Biagio Ianuario

Estorsioni per i Casalesi: 12 condanne in Appello

La Corte partenopea ha rideterminato la pena per 11 imputati

Sono 12 le condanne pronunciate dalla Corte d'Appello di Napoli nei confronti di altrettanti affiliati al clan dei Casalesi accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso. 

La prima sezione della Corte d'Appello di Napoli, presieduta dal giudice Ginevra Abbamondi, ha rideterminato le condanne inflitte in primo grado e condannato: Luigi Bitonto, 42 anni di Aversa, a 4 anni e 6 mesi; Antonio Baldascini, 58 anni di Casal di Principe, riconosciuta la continuazione con altre sentenze passate in giudicato alla pena complessiva di 10 anni e 4 mesi di reclusione; Umberto Maiello, 59 anni di Casal di Principe, alla pena complessiva di 10 anni e 4 mesi in continuazione con altre sentenze passate in giudicato; Biagio Ianuario, 41 anni di Cancello ed Arnone, alla pena complessiva di 13 anni in continuazione con altre sentenze; Salvatore Ianuario, 45 anni di Cancello ed Arnone, alla pena di 1 anno e 10 mesi; Mario Migliozzi, 61 anni di Castel Volturno, alla pena di 5 anni e 4 mesi; Antonio Ruocco, 42 anni di Carinaro, alla pena complessiva di 12 anni e 6 mesi in continuazione con altre sentenze; Antonio Santamaria, di Cancello ed Arnone, alla pena complessiva di 16 anni e 6 mesi di reclusione in continuazione con altre sentenze; Biagio Santamaria, di Cancello ed Arnone, alla pena complessiva di 7 anni di reclusione, in continazione con altre sentenze; Giovanni Sciorio, 48 anni di Cancello ed Arnone, alla pena complessiva di 10 anni e 10 mesi di reclusione in continuazione con altre sentenze; Annibale Tummolo, 52 anni di Teverola, alla pena complessiva di 10 anni di reclusione in continuazione con altre sentenze. Confermata la sentenza di primo grado per Ferdinando De Rosa, 31 anni di Cancello ed Arnone, condannato a 5 anni. 

Secondo l'accusa il gruppo avrebbe commesso estorsioni ai danni del titolare di un ristorante e di due attività del settore alimentare nel periodo tra il 2006 ed il 2003 al fine di agevolare la fazione Bidognetti del clan. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati: Mirella Baldascino, Giuseppe Tessitore, Angelo Raucci, Paolo Raimondo e Maria Di Cesare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento