menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto di repertorio)

(foto di repertorio)

Fanno esplodere due bombe, arrestati

La Procura chiude le indagini iniziate a gennaio del 2019

Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, i carabinieri della Compagnia di Casal di Principe hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di due persone: un italiano di 48 anni residente a Villa Literno e un cittadino rumeno di 32 anni domiciliato a Casal di Principe, per detenzione illegale e porto in luogo pubblico di ordigni esplosivi.

Le indagini

L’attività investigativa a avuto origine il 22 gennaio 2019 a seguito dell’esplosione di un ordigno all’interno dell’area di un distributore di carburanti sito a Villa Literno. Analogo episodio si è verificato il 27 maggio 2019 con l’esplosione di un altro ordigno all’interno del cortile di un’abitazione sempre in quel di Villa Literno. Le indagini svolte con l’ausilio di attività tecniche hanno consentito di raccogliere un grave quadro indiziario a carico degli indagati. In particolare secondo l’ipotesi accusatoria avvalorata dal Gip è emerso che le condotte erano state poste in essere per futili motivi ed inoltre che nel corso del primo episodio gli indagati avevano cercato non riuscendovi di far esplodere un secondo ordigno abbandonato sul posto e fatto poi brillare in sicurezza dal personale specializzato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il blocco autostradale lascia i bambini senza pranzo

  • Cronaca

    Boom di guariti nel casertano, contagi in calo

  • Cronaca

    La Procura sequestra il varco d'ingresso al Lidl

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento