rotate-mobile
Cronaca Casal di Principe

Ergastolano dei Casalesi vuole iscriversi all'università, no dal direttore del carcere

E' detenuto al 41bis per associazione di stampo mafioso e concorso in omicidio. Pronto ricorso al magistrato di sorveglianza

Il direttore del carcere nega ad un affiliato al clan dei Casalesi di iscriversi all'università. Succede al carcere di Tolmezzo, in provincia di Udine, dove un ergastolano al 41bis si è rivolto all'associazione Giustitalia per chiedere di tutelare il proprio diritto allo studio. 

Al momento l'identità del detenuto studente resta sotto riserbo. Quel che si sa è che l'uomo risulta condannato per reati associativi e per concorso in omicidio, che ha circa 40 anni, che è di Casal di Principe ed è diplomato alla ragioneria. Voleva iscriversi alla facoltà di Giurisprudenza de L'Aquila ed ora prepara il ricorso al magistrato di sorveglianza. 

"Il detenuto, con l'assistenza dei legali dell'Associazione Giustitalia (dello studio Missori di Roma nda) che garantisce a livello nazionale assistenza per i diritti dei detenuti, sosterrà che il diritto allo studio e, più in generale alla cultura, è un diritto inalienabile dell'uomo (costituzionalmente riconosciuto) ed il suo esercizio concreto non è incompatibile con  il carcere duro. Orbene, impedire ad un soggetto detenuto, anche se in regime di 41 bis O.P. od anche se con sentenza di colpevolezza passata in giudicato, di coltivare gli studi (di qualunque tipo e natura), significa privarlo di un diritto costituzionalmente riconosciuto per tutti gli individui".   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ergastolano dei Casalesi vuole iscriversi all'università, no dal direttore del carcere

CasertaNews è in caricamento