rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Elettricisti e giardinieri partiti da Caserta per combattere in Ucraina

Inviati anche i medicinali raccolti dalla Caritas. Intanto don Antonello e don Igor pregano affinchè la guerra finisca presto

C'è chi lavora come elettricista, chi fa il giardiniere a scuola. Sono persone comuni non veri e propri soldati eppure stanno andando in guerra. Sabato pomeriggio intorno alle 17,30 dal piazzale del cimitero di Caserta il gruppo di dieci volontari ucraini, residenti nel casertano, è partito per tornare in patria ed imbracciare le armi per respingere l'avanzata russa. Una scelta coraggiosa da parte di chi chiamato alla guerra non si è tirato indietro. 


Con i dieci volontari sono partiti alla volta dell'Est anche pacchi di medicinali raccolti dalla Caritas diocesana. La Caritas continua a raccogliere medicine mentre la comunità ucraina si prepara ad accogliere donne e bambini che sarebbero in arrivo anche a Caserta. "Chiediamo ospitalità per queste persone - spiega Maria - Non sappiamo quante ne sono in quanto sono familiari ed amici di persone che fanno parte della nostra comunità. Man mano che arriveranno dobbiamo essere pronti ad accoglierli".

comunità ucraina chiesa buon pastore-2


Ieri, infine, la messa al Buon Pastore celebrata da don Antonello e padre Igor, da anni riferimento della comunità ucraina di Caserta. Due comunità unite nel segno della pace e nella speranza che il conflitto nel cuore dell'Europa cessi al più presto.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elettricisti e giardinieri partiti da Caserta per combattere in Ucraina

CasertaNews è in caricamento