menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Consiglio comunale di Mondragone

Il Consiglio comunale di Mondragone

Edilizia, Forza Italia contro Pacifico: "Regolamento compromette il Puc"

Il capogruppo Bertolino contro le modifiche apportate in Consiglio

Il capogruppo di Forza Italia a Mondragone, Valerio Bertolino, spiega in una nota le motivazioni che hanno spinto la minoranza consiliare a non condividere le modifiche apportate al Regolamento comunale per la valorizzazione di interventi di edilizia minori nella scorsa seduta di Consiglio comunale.

“La nozione di pertinenza urbanistica - commenta Bertolino - non può consentire la realizzazione di opere di grande consistenza soltanto perché destinate al servizio di un bene qualificato come principale. In tal caso, l’impatto volumetrico proprio, incidendo in modo permanente e non precario sull’assetto edilizio del territorio è da considerarsi come “nuova costruzione” e, quindi, assoggettabile a permesso di costruire, aggravando il carico urbanistico e non derogando dalle distanze.  Lo stesso articolo 3 del D.P.R. n.380/2001 e s.m.i. al comma 1, punto e.6 - aggiunge il capogruppo azzurro - così come opportunamente richiamato nel Regolamento comunale delle opere minori, che il Sindaco Virgilio Pacifico e la sua maggioranza intendono modificare, non sono da considerarsi pertinenze “gli interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, qualificano come interventi di nuova edificazione, ovvero che comportino la realizzazione di un volume superiore al 20% del volume dell’edificio principale”.

“Quindi - rincara la dose Valerio Bertolino - fermo restando il limite volumetrico del 20%, così come previsto ai sensi dell’art. 3 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i., la consistenza in termini di superficie e volume della pertinenza deve comunque essere minima e proporzionata rispetto all’edificio principale. Poi, certamente non e' da trascurare l’art. 12, comma 3, del Regolamento regionale n. 4/2010 che nell’allegato 1 definisce le tipologie di opere minori sotto il profilo strutturale, individuando appunto come opere minori i soppalchi, le tettoie, e le pensiline metalliche o lignee con superficie in pianta minore o uguale a mq. 20,00 e di altezza strutturale minore o uguale a ml. 4,00.

“Inoltre - conclude il capogruppo di Forza Italia - le modifiche al Regolamento comunale delle opere minori che il Sindaco Pacifico e l’attuale maggioranza consiliare hanno deliberato in Consiglio comunale, con l’aumento della superficie coperta prevista per le tettoie, i gazebo, ecc., compromettono irrimediabilmente la realizzazione del prossimo Piano Urbanistico Comunale anche alla luce del mancato rispetto della superficie permeabile imposta, per ogni singola zona, dall'attuale Piano Regolatore Generale vigente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Troppi contagi, il sindaco non si fida: "Le scuole restano chiuse"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    "Cirillo arrestato. Ora mio padre può riposare in pace"

  • Cronaca

    Nove vittime del virus nel casertano, 150 nuovi positivi

  • Cronaca

    La carcassa di un capodoglio sulla spiaggia casertana | FOTO

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Caterina Balivo torna in tv su Rai 1

  • social

    Blue Monday 2021, oggi è il giorno più triste dell'anno

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento