Cronaca

E' ai domiciliari ma incontra pregiudicati, 23enne finisce in cella

Il giovane era stato arrestato per la rapina a due prostitute

Aggravamento della misura cautelare per D.R.M., 23enne rumeno che dai domiciliari è stato tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Il giovane era già arrestato dai carabinieri di Baia Domizia  nel marzo del 2018 per rapina e tentata estorsione ai danni di due prostitute che 'battevano' sul lungomare domitio. 

Il 23enne le derubò dei loro effetti personali, contanti e cellulari, e cercò di farsi pagare dalle stesse per conservare 'la postazione' dove venivano accolti i clienti. Posto agli arresti domiciliari per tale vicenda, il giovane rumeno a seguito di controlli da parte dell'aliquota radiomobile dei carabinieri di Sessa Aurunca è stato trovato in compagnia di 5 soggetti estranei al nucleo familiari, tra cui c'era anche un pregiudicato. 

Fatta richiesta dai militari dell'aggravamento della pena è stata accolta dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha modificato la misura cautelare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' ai domiciliari ma incontra pregiudicati, 23enne finisce in cella

CasertaNews è in caricamento