Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Uccide genero e nuora a colpi di pistola, condannato all'ergastolo

La Corte d'Assise ha disposto anche 30 mesi di isolamento diurno per Caiazzo

Ergastolo con isolamento diurno per 30 mesi. Questa la pronuncia della Corte d'Assise di Napoli nei confronti di Raffaele Caiazzo, 45enne di Caserta, accusato del duplice omicidio del genero Luigi Cammisa, 29 anni, e della nuora Maria Brigida Pesacane, 24 anni, entrambi uccisi a colpi di pistola a Sant'Antimo l'8 giugno 2023.

Le vittime erano rispettivamente il marito e la moglie dei figli di Caiazzo. Cammisa venne ucciso in piazzetta Sant’Antonio. Pesacane, invece, fu assassinata in casa sua in via Caruso. Quando il suo corpo venne trovato in casa c'erano anche i figli piccoli della donna, nipoti di Caiazzo. 

I genitori di Maria Brigiga sono stati difesi dall'avvocato Manuela Palombi, i fratelli dall'avvocato Marco Mugione. Tra le parti civili si è costituita anche la Fondazione Polis, rappresentata dall'avvocato Gianmario Siani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide genero e nuora a colpi di pistola, condannato all'ergastolo
CasertaNews è in caricamento