rotate-mobile
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Drone con la droga atterra nell'area passeggi del carcere

Lo stupefacente e il velivolo sono stati sequestrati. Si indaga sul destinatario del pacco

Un drone e e oltre mezzo chilo di droga - soprattutto hashish e una decina di grammi di cocaina - sono stati sequestrati nella tarda serata di martedì all'interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere dalla polizia penitenziaria.

È stato un agente a notare un drone a terra nell'area passeggi del reparto Tevere; il poliziotto è accorso scoprendo che attaccato al drone c'era anche un involucro con la droga, destinata ad un detenuto. Più o meno nello stesso momento un recluso ha inscenato un piccolo incendio nella sua cella, con l'intento di scendere nell'area passeggi e provare a recuperare lo stupefacente. Il recluso ha negato che la droga fosse a lui destinata, ma sono in corso accertamenti. Il drone e la droga sono stati sequestrati.

"Ormai - commenta il segretario regionale del sindacato di polizia penitenziaria Uspp, Ciro Auricchio - si combatte una guerra quotidiana nelle carceri per sventare l'introduzione di droga e cellulari. La criminalità organizzata, con mezzi tecnologi e stratagemmi sempre più raffinati, prova a destabilizzare la sicurezza interna, e per questo bisogna dotare la polizia penitenziaria di mezzi tecnologicamente avanzati per contrastare questa piaga. A Santa Maria Capua Vetere, nonostante la grave carenza d'organico, si riesce comunque a garantire l'ordine e la sicurezza interna".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Drone con la droga atterra nell'area passeggi del carcere

CasertaNews è in caricamento