Droga dalla Spagna: 22 arresti. Bombe ed armi per imporsi sul mercato

Operazione dei carabinieri tra il basso Lazio e Terra di Lavoro. In manette due di Sessa Aurunca

Blitz dei carabinieri

La droga arrivava dalla Spagna e finiva nelle piazze di spaccio del casertano e del basso Lazio. Sono 22 le persone arrestate nell'ambito dell'operazione Touch & Go, condotta dai carabinieri della compagnia di Formia e dai comandi di Latina, Napoli, Caserta e Isernia, con il supporto di un elicottero di Pratica di Marte e di unità cinofile dell'Arma e della guardia di finanza. I militari hanno smantellato un'organizzazione criminale che si occupava di importare droga dalla penisola iberica e di rivenderla sulle piazze di spaccio del sud del Lazio e della provincia di Caserta.

I componenti del gruppo criminale, compresa una donna, sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, possesso di armi e materiali esplodenti, minaccia, violenza privata e lesioni, con laggravante di aver agito con metodo mafioso. I provvedimenti sono scaturiti da una complessa e articolata attivita' investigativa condotta dai Carabinieri di Formia - coordinati dalla Dda di Roma - sviluppata da ottobre 2015 ad agosto 2016 e nuovamente aggiornata da marzo a settembre 2018, anche con la collaborazione con la Direzione Centrale per i servizi Antidroga del ministero dell'Interno. Il gruppo criminale agiva sotto la guida di due fratelli provenienti dal quartiere Secondigliano di Napoli che - con spregiudicatezza ed importando atteggiamenti tipici delle organizzazioni camorriste - avevano deciso di conquistare il mercato degli stupefacenti del sud pontino, arruolando a tal fine manovalanza criminale locale e creando cosi' una fitta rete di pusher.

Per assumere il controllo dell'attività di approvvigionamento e smercio di cocaina, hashish, marijuana e shaboo, imponendosi sul territorio, avevano posto in essere aggressioni e minacce anche ricorrendo all'uso di armi e di manufatti esplosivi, sino a conquistare l'egemonia nella vendita di droghe in un'ampia area incentrata su Scauri, nota località turistica del comune di Minturno. In particolare, nel corso delle indagini: veniva fatta piena luce sulle modalità con le quali i predetti indagati, alcuni dei quali contigui a clan camorristici operanti nel quartiere Secondigliano di Napoli, importavano ingenti quantitativi di stupefacente dalla città partenopea e dalla Spagna; sono state tratte in arresto complessivamente 13 persone; sono stati sequestrati: 450 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina; 9 kilogrammi di hashish; 350 grammi di marijuana; 100 grammi di shaboo; una pistola marca Beretta calibro 9x21 completa di caricatore e 13 proiettili, arma risultata rubata; 2 ordigni esplosivi di fattura artigianale, uno dei quali recuperato il 17.02.2016 prima che esplodesse, mentre l'altro è stato fatto deflagrare il 28 febbraio 2016, causando solo danni a cose. Nel corso delle operazioni di esecuzione, uno degli arrestati di Napoli è stato trovato anche in possesso di una rivoltella calibro 44 magnum matricola abrasa e 10 proiettili.

In carcere sono finiti:

Domenico e Raffaele Scotto, i vertici del gruppo, fratelli di 37 e 44 anni, entrambi originari di Napoli del quartiere di Secondigliano;
Michele Alberti, 28enne di Napoli;
Marco Barattolo, detto Mino, napoletano di 40 anni;
Diego Camerota, 35 anni, originario di Formia ma residente a Minturno;
Armando Danilo Clemente, 35enne di Gaeta residente a Minturno;
Domenico De Rosa, 24 anni, nato a Sant'Agata dei Goti e residente a Isernia;
Giuseppe De Rosa, 27 anni, nato a Sant'Agata dei Goti e residente a Gaeta;
Giancarlo De Meo, 34enne originario di Formia e residente a Minturno;
Stefano Forte, 46 anni di Minturno;
Francesco Leone, formiano di 23 anni;
Giuseppe Leone, formiano di 45 anni;
Massimiliano Mallo, 31enne nato a Napoli;
Giovanni Nocella, 52enne di Napoli;
Walter Palumbo, 37enne di Napoli;
Raffaella Parente, 29enne di Formia ma domiciliata a Parma;
Amedeo Prete, 26enne di Villaricca, Napoli;
Matteo Rotondo, 24enne di Sessa Aurunca residente a Minturno;
Valentino Sarno, 26enne di Napoli;
Daniele Scarpa, 37enne di Formia residente a Minturno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai domiciliari invece Giuseppe Sellitto, 29enne di Formia residente a Sessa Aurunca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento