rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Sessa Aurunca

Droga nascosta nel muro, genero del boss se la cava con l'obbligo di firma

Il gip riconosce la lieve entità dello spaccio di marijuana

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e riconoscimento della lieve entità dello spaccio: è il risultato dell'udienza di convalida tenutasi dinanzi al giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Federica Villano, a carico di Ernesto Simeone, genero del noto boss del clan dei 'Muzzoni' Gaetano Di Lorenzo, arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Il 41enne di Sessa Aurunca è stato sorpreso, nella tarda serata di domenica, da una pattuglia di carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Sessa Aurunca mentre cercava di occultare in una intercapedine, realizzata in un muro fatiscente poco distante dal proprio quartiere di appartenenza, il quartiere Duomo, la sostanza stupefacente già sporzionata e pronta all'uso.

I militari dell'Arma hanno infatti rinvenuto nell'intercapedine muraria, occultate in un borsello di proprietà di Simeone, 15 dosi di marijuana confezionate e pronte per essere piazzate del peso complessivo di circa 20 grammi. All'interno di una cassetta di derivazione di fili elettrici in alluminio sono stati rinvenuti un bilancino di precisione avvolto nel cellophane e 78 bustine di cellophane pronte per il confezionamento. All'esito di una perquisizione personale, i carabinieri hanno rinvenuto in una tasca dei pantaloni di Ernesto Simeone la somma di 140 euro in banconote da piccolo taglio.

Applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari, il gip sammaritano all'esito dell'accoglimento delle tesi dei difensori di Simeone, gli avvocati Angelo Librace e Mirella Baldascino, ha revocato la misura custodiale domiciliare applicando quella meno afflittiva dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria previo riconoscimento della lieve entità dello spaccio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga nascosta nel muro, genero del boss se la cava con l'obbligo di firma

CasertaNews è in caricamento