rotate-mobile
Cronaca

Il boss Capone ricorre in Cassazione contro la condanna per droga

E' l'inchiesta in cui era coinvolto anche Rubino

Lo spaccio di droga nella Movida di Caserta ed una condanna inflitta in primo grado e già confermata in Appello. E' stata fissata dinanzi alla terza sezione della Corte di Cassazione il processo a carico di Giovanni Capone, ritenuto referente dei Belforte nel Capoluogo. 

L'udienza è in programma a inizio marzo con i legali di Capone, gli avvocati Nello Sgambato e Francesco Liguori, che hanno impugnato il verdetto di conferma della condanna pronunciato dalla Corte Partenopea.

Si tratta di un vecchio procedimento per droga, spacciata nei rioni ed anche nel cuore della movida casertana, nel quale era imputato anche Serafino Rubino, il casertano che trattava con i cartelli colombiani per conto della 'ndrangheta. Rubino ha patteggiato la condanna non impugnando la sentenza dinanzi alla Suprema Corte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il boss Capone ricorre in Cassazione contro la condanna per droga

CasertaNews è in caricamento