Piazze di spaccio dei Casalesi: 11 condannati

Inflitti oltre 80 anni di carcere complessivi per il gruppo guidato da Fusco e Vitolo

Il blitz dei carabinieri a Capua

Undici condanne ed 84 anni di carcere inflitti. E' stata questa la sentenza del gup Di Palma del tribunale di Napoli a carico del gruppo dedito allo spaccio di droga con la finalità mafiosa tra Capua, Vitulazio, Bellona, Camigliano e Casal di Principe.

Pene più severe sono state inflitte, all'esito del processo con abbreviato, ai capi dell'organizzazione: 20 anni a Stefano Fusco, 44 anni di Vitulazio, e 13 anni a Teresa Vitolo, moglie di Carlo Del Vecchio (ristretto al 41 bis) e sorella di Massimo Vitolo, altro elemento di spicco del clan dei Casalesi. Il giudice ha poi condannato a 12 anni Michele Fusco, 25enne di Capua; 9 anni e 8 mesi a testa sono stati inflitti ad Antonio Merola, 48 anni, Antonio Nespoli, 38 anni di Bellona, e Pasquale Vitolo, 53 anni di Capua; due anni e 8 mesi per Tommaso Nigro, 43 anni di Vitulazio; 2 anni a testa per Gennaro Russo, 22 anni di Vitulazio, Carmine e Silvio Fasanella, Rita Fusco. Nel collegio difensivo sono stati impegnati gli avvocati Paolo Di Furia, Angelo Raucci, Carlo De Stavola, Renato Jappelli e Pietro Romano. 

Secondo quanto emerso dalle indagini, il gruppo avrebbe messo in piedi una vera e propria consorteria dedita allo spaccio di stupefacenti, in particolare cocaina, hashish e marijuana, con la copertura di esponenti del clan dei Casalesi a cui erano legati da vincoli di parentela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento