rotate-mobile
Cronaca Aversa

Spaccio di droga in carcere con la complicità di un agente: 6 verso il processo

La Procura di Napoli Nord ha chiuso le indagini preliminari: nei guai anche detenuti e loro familiari

Conclusione delle indagini preliminari per 6 persone accusate di introdurre droga in carcere con il placet e la complicità di un agente della polizia penitenziaria.  

Il sostituto procuratore Manuela Massimo Esposito, del tribunale di Napoli Nord, ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini nei confronti dell'agente della polizia penitenziaria della casa circondariale di Aversa, Angelo Tartaglione, 34enne di Parete; Luana Morrone, 34enne di Castel Volturno; Anna Bruno, 31enne di San Nicola la Strada; Angela Ucciero, 30enne di Castel Volturno; Antonio De Crescenzo, 37enne di Castel Volturno; Davide Reale, 37enne di Caserta.

Secondo quanto accertato dalla Procura normanna Luana Morrone, moglie del detenuto De Crescenzo, Anna Bruno, moglie del detenuto Reale, e Angela Ucciero, convivente del detenuto Guerra (non coinvolto in questo procedimento), si sarebbero procurate la droga da introdurre in carcere consegnandola all'agente Tartaglione dietro compenso per la sua prestazione.

Il compenso totale per l'agente infedele fu di 900 euro in due trance. Una volta che la droga, perlopiù hashish, veniva introdotta in carcere grazie a Tartaglione, Reale si occupava dello spaccio. Coi proventi illeciti pianificava  gli altri approvvigionamenti. Consegnava il denaro a Morrone e Ucciero in modo tale che prendessero accordi con l'agente per gli ulteriori carichi. Lo schema illecito di consegna, spaccio e denaro tra le mogli dei detenuti, i reclusi e gli agenti terminò nell'aprile 2022 ed iniziò nel maggio 2021.

Angelo Tartaglione incontrò Morrone e Ucciero al MC Donald's del centro commerciale Jambo a Trentola Ducenta. Le due gli consegnarono la droga e lo pagarono. L'agente era pedinato dai colleghi che il giorno seguente all'incontro con le due donne, poco prima di iniziare il turno lo fermarono e gli trovarono addosso 102 grammi di hashish e 480 euro in contanti, da introdurre nell'istituto penitenziario. 

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Ferdinando Letizia per Ucciero e Pasquale Iaderosa per gli altri indagati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di droga in carcere con la complicità di un agente: 6 verso il processo

CasertaNews è in caricamento