rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Marcianise

Droga dei Belforte a Milano, le dichiarazioni del pentito Buonanno nel fascicolo del giudice

Riserva sulla vicenda della revoca del programma di protezione che vede coinvolta la moglie, che sarà sentita nella prossima udienza

Acquisite le dichiarazioni del 'pentito' Giovanni  Buonanno con 'riserva'. E' quanto accaduto nel corso del processo per lo spaccio di droga dei Belforte a Milano che si sta celebrando dinanzi alla terza sezione penale del tribunale di Santa Maria Capua Vetere presieduta da Luciana Crisci.

Nel corso dell’udienza i legali degli imputati hanno prestato il consenso all’acquisizione delle testimonianze rese  dal figlio del ras del clan Belforte a cui era stato revocato il programma di protezione per gravi inadempienze commesse durante la sua collaborazione con la giustizia, provvedimento poi annullato dal Tar. Buonanno, assistito dall'avvocato Carmen Di Meo, infatti spedì dei pizzini nel pacco della biancheria indirizzata alla moglie Caterina Iuliano sui verbali di interrogatorio resi in modo da 'prepararla' per eventuali escussioni. Una anomalia sottolineata nel corso dell'udienza in vista proprio dell'escussione della consorte del 'collaboratore' nel mese di maggio.

Sono finiti sotto processo Emanuela Russo, Lucia Cozzolino, Anna Russo, Antonietta Russo, Antonio Russo, Emilio Lasco, Mauro Lionello, Francesco Ferrari.

Gli indagati, secondo quanto accertato dal magistrato antimafia Luigi Landolfi, si sono resi responsabili dei reati di associazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti, nonché di numerosi episodi di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti aggravati dal metodo mafioso, facente capo al clan denominato “Belforte” o anche detto “Mazzacane”. Alcuni avrebbero commesso, inoltre, estorsioni, usura, ricettazione, riciclaggio, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e induzione di falso in atto pubblico. In particolare avrebbero cercato di combinare un falso matrimonio tra un cittadino italiano e una cittadina straniera previo compenso, con lo scopo di far ottenere il permesso di soggiorno e successivamente la cittadinanza italiana. Nel collegio difensivo gli avvocati Enzo Domenico Spina, Vincenzo Strazullo, Maria Michela Fusco, Antimo Iuliano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga dei Belforte a Milano, le dichiarazioni del pentito Buonanno nel fascicolo del giudice

CasertaNews è in caricamento