Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

Colpo di scena prima della sentenza: i giudici vogliono sentire un carabiniere sul rinvenimento dell'auto

La vettura bruciata è stata trovata dai carabinieri a Trentola Ducenta

Colpo di scena prima della sentenza. E' quanto accaduto nel corso del processo a carico di Giovanni e Nicola Mazzara, entrambi di Cesa, Alberto Verde, di Aversa, e del collaboratore di giustizia Tammaro Scarano accusati degli omicidi di Michele Caterino e Cesario Ferriero

I giudici vogliono vederci chiaro ed hanno disposto l'escussione in aula di un maresciallo dei carabinieri che dovrà riferire sull'auto utilizzata dal commando per i due raid di morte, avvenuti nell'ambito della faida tra il gruppo dei Caterino-Ferriero e quello dei Mazzara. 

Era stato lo stesso Scarano a parlare dell'auto spiegando di aver dato alle fiamme la vettura nelle campagne di Gricignano d'Aversa. Ma tra le carte del collegio difensivo - di cui fanno parte gli avvocati Franco Liguori, Carlo De Stavola, Elisabetta Carfora e Patrizia Sebastianelli - c'è una relazione di servizio dei carabinieri di Parete che parla di un rinvenimento di una vettura bruciata a Trentola Ducenta. Inoltre anche il modello dell'auto non coinciderebbe. Per i difensori tale circostanza smentirebbe il collaboratore di giustizia (le cui dichiarazioni rischiano di essere messe in discussione in toto) e pertanto è stata chiesta l'escussione dei carabinieri. Istanza che è stata accolta dal giudice con la riapertura del processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Michele Caterino venne ucciso, secondo la ricostruzione di Scarano, perchè aveva iniziato a raccogliere le estorsioni autonomamente senza concordarsi con i Mazzara. Cesario Ferriero, invece, fu crivellato la sera di Natale del 2007 nella sua auto con un fucile a pallettoni in via Fratelli Cervi, sotto l'abitazione della fidanzata che avrebbe dovuto sposare a giugno del 2008. Per entrambi i delitti il pm ha invocato l'ergastolo per Nicola e Giovanni Mazzara e Verde mentre una pena più lieve è stata chiesta per Scarano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna trovata morta nel letto di casa: aveva 40 anni

  • Bimbo morto, i genitori di Diego rompono il silenzio dopo 5 giorni

  • Coronavirus, record di nuovi contagi nel casertano: altri 120 casi in Campania

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio dei contagi: nuovi casi ad Aversa e Castel Volturno

  • Coronavirus, slitta il picco in Campania. "Contagi al massimo tra fine aprile ed inizio maggio"

  • Coronavirus, muore un uomo di Marcianise ricoverato in ospedale

Torna su
CasertaNews è in caricamento