Denuncia il marito ma si ritrova per un errore sotto inchiesta

Aveva chiesto il patrocinio gratuito, ma dopo una verifica è stata indagata dalla Procura

Aveva chiesto il patrocinio gratuito per farsi seguire da un avvocato dopo la denuncia che aveva presentato contro il marito per mancato versamenti degli alimenti, ma per un errore si è ritrovata lei sotto inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Napoli Nord. E' quanto accaudto ad una donna di 50 anni di Orta di Atella che dopo aver presentato una denuncia contro il marito aveva fatto richiesta per il gratuito patrocinio, che le sarebbe spettato, ma che invece l'ha fatta ritrovare indagata. Questo per un errore nella verifica della documentazione, che ha spinto il gip ad inviare gli atti alla Procura per falsa attestazione della propria situazione reddituale. L'avvocato della donna, Pasquale Delisati, è riuscito perè a dimostrare, in fase di indagine, che il reddito contestato (su cui era stata aperta l'inchiesta) era relativo alla situazione familiare quando la donna era legata al marito e che la stessa non doveva essere presa in considerazione nel caso di specie, avendo la vittima denunciato il coniuge. L'indagine è stata così archiviata dal nuovo gip Saladino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

  • Camorra a Caserta, accuse via social per prendere il potere: "Infame, te la fai con le guardie"

Torna su
CasertaNews è in caricamento