Ore cruciali per don Michele: il gip deve decidere sulla richiesta di scarcerazione

Il sacerdote è in carcere da una settimana per le accuse di abusi sessuali su una bambina

Don Michele Mottola è in carcere da venerdì scorso

Ancora qualche ora di attesa e poi don Michele Mottola conoscerà la decisione del giudice per le indagini preliminari sulla sua permanenza in carcere.

La decisione del gip del tribunale di Napoli Nord era attesa per oggi, ma non è stata ancora comunicata al sacerdote che da venerdì scorso è in carcere con l'accusa di abusi sessuali ai danni di una bambina di 10 anni che frequentava la sua parrocchia di Trentola Ducenta.

Il parroco 59enne, residente a Qualiano, ha ammesso, nel corso dell'interrogatorio di lunedì scorso, accompagnato dal suo avvocato Antimo D'Alterio, i fatti che gli sono stati contestati e contestualmente è stata avanzata la richiesta di poter avere i domiciliari.

L'ultima parola spetta al gip che ha firmato il suo arresto che dovrebbe comunicare la decisione nella giornata di venerdì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento