Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Villa di Briano

Disabile picchiato durante rapina in casa, 41enne esce dal carcere

Il tribunale del Riesame ha concesso gli arresti domiciliari

Arresti domiciliari per Dino C., 41 anni, condannato a 6 anni per la rapina in stile "Arancia Meccanica" avvenuta in un'abitazione di Villa di Briano. 

Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Napoli (ottava sezione collegio F) che ha accolto le argomentazioni difensive dei suoi difensori, gli avvocati Gaetano Laiso e Pasquale Venditto, sostituendo la misura cautelare in carcere con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari. Il 41enne ha già lasciato il carcere di Santa Maria Capua Vetere dove si trovava ristretto. 

L'uomo, condannato a 6 anni di reclusione all'esito del processo celebrato con rito abbreviato, si era reso protagonista insieme ad un complice (condannato a 7 anni) della violenta rapina avvenuta a settembre dell'anno scorso. Uno dei due banditi si introdusse nella casa di una donna di 84 anni che viveva insieme al figlio autistico. Sotto la minaccia dell'arma cercò di farsi consegnare soldi e gioielli ma al rifiuto della donna colpì con il calcio della pistola il figlio alla testa. Il fermo diniego da parte delle vittime fece fallire il colpo con il bandito che scappò a bordo di un'auto guidata dal complice. 

Le telecamere di videosorveglianza, installate in strada, consentirono di risalire alla vettura che era nella disponibilità di una famiglia di Lusciano. Secondo quanto accertato dai carabinieri, coordinati in fase di indagini dal pm Persico della Procura di Napoli Nord, uno degli autori della rapina era il nipote della vittima, con la quale aveva rotto i rapporti dopo alcune divergenze economiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disabile picchiato durante rapina in casa, 41enne esce dal carcere
CasertaNews è in caricamento