rotate-mobile
Cronaca Aversa

Dipendente del Ministero della Difesa furioso in tribunale: "Complotto contro di me"

"Voi non volete indagare": le pesanti affermazioni rivolte al sostituto procuratore e al giudice monocratico

"È un complotto contro di me, voi non volete indagare". Sono state le pesanti affermazioni rivolte al sostituto procuratore Gerardina Cozzolino e al giudice monocratico Alessandra Cesare del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, da parte di S.D.C., 60enne di Aversa, dipendente civile del Ministero della Difesa presso il deposito di munizioni dell'esercito a Carditello. Il 60enne, assistito dall'avvocato Maurizio Capasso è finito sotto processo per minaccia a pubblico ufficiale, tentata violenza privata e oltraggio. È stato condannato ad un anno di reclusione pena sospesa. Mentre avveniva la lettura del verdetto l'imputato si è lasciato scappare le esternazioni nei riguardi dei giudici.

Secondo quanto accertato dalla Procura sammaritana nell'aprile 2019, S.D.C., avrebbe minacciato il colonnello dell'Esercito, caporeparto rifornimento del 10° Cermint, per costringerlo ad omettere una contestazione mossa al dipendente civile. Mentre l'ufficiale procedeva la contestazione lo ingiuriava. Mentre il colonnello si allontanava a bordo della sua vettura lo inseguiva e cercava di introdursi all'interno dell'abitacolo evento non verificatosi grazie all'intervento di un altro ufficiale. Il 60enne è stato condannato anche al pagamento di una provvisionale di 3000 euro in favore della costituita parte civile rappresentata dall'avvocato Giuseppe Conte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendente del Ministero della Difesa furioso in tribunale: "Complotto contro di me"

CasertaNews è in caricamento