rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca

Taxi in 'coabitazione', scatta la diffida contro il titolare della licenza

I vigili hanno sorpreso alla guida della vettura un automobilista senza autorizzazioni

Un taxi in “coabitazione” tra il titolare della licenza e una seconda persona, ovviamente non autorizzata alla guida del veicolo. È quanto scoperto dalla polizia municipale di Napoli lo scorso 20 febbraio, quando nel capoluogo regionale la vettura, autorizzata dal Comune di Caserta con la licenza n.16, è stata fermata mentre alla sua guida vi era una persona, A.P, sprovvisto di licenza. Lo stesso autista ‘irregolare’ prelevava passeggeri all’albergo Royal di Napoli senza attivare il tassametro, configurando così il prelievo e l’inizio del servizio fuori dal territorio del Comune che ha rilasciato la licenza taxi.

Così i vigili urbani hanno notificato al Comune di Caserta quanto scoperto. Il regolare autista del taxi, P.F., titolare della licenza, è stato quindi diffidato dall’Ente di piazza Vanvitelli dall’utilizzare quale sostituto alla guida “personale privo dell’autorizzazione come prescritto dal vigente regolamento comunale”.

Nel provvedimento firmato dal dirigente Giovanni Natale si comunica inoltre l’avvio di un procedimento amministrativo per l’emissione di un provvedimento sanzionatorio nei confronti della licenza di taxi n.16, inviato al Comune di Casoria, dove risiede il titolare del taxi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taxi in 'coabitazione', scatta la diffida contro il titolare della licenza

CasertaNews è in caricamento