menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'immobile che sarà abbattuto in località Ponte a Mare

L'immobile che sarà abbattuto in località Ponte a Mare

Le ruspe della Procura abbattono 3 immobili abusivi | FOTO

Via alle demolizioni: una è l'abitazione di un noto pregiudicato

Ruspe di nuovo in azione questa mattina su ordine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. E’ iniziata infatti la demolizione di tre immobili abusivi nel comune di Castel Volturno.

Il primo manufatto abusivo, realizzato da un soggetto noto alle forze dell’ordine in quanto pregiudicato, ubicato nel comune di Castel Volturno, in località ‘Ponte a Mare’ in via Cortese. L’immobile è costituito da un corpo di fabbrica completo e rifinito, di una superficie di 120 mq circa, utilizzato ad uso residenziale, caratterizzato da un unico piano terra, costruito su area demaniale di uso civico in zona con forte dissesto idrogeologico coperta da diversi vincoli.

demolizione via cortese baia verde castel volturno-2

Il secondo manufatto realizzato in località Baia Verde, in via Cortese, è in corso di costruzioni ed è composto da un corpo di fabbrica in muratura di tufo e pilastri, caratterizzato da un piano terra e parte de primo. L’immobile è costruito in zona con forte dissesto idrogeologico coperta da diversi vincoli.

demolizione bagnara castel volturno-2

Il terzo manufatto abusivo, in località Bagnara ‘Palma Beach’, è composto da un vano di 40 mq circa, un capannone in ferro con copertura in pannelli di eternit e l’installazione di due container in ferro, il tutto insistente su un’area di proprietà demaniale, di forte impatto ambientale, coperto da vincolo paesaggistico ambientale, vincolo idrogeologico, vincolo dell’autorità di bacino, vincolo sismico e di edificabilità dal piano regolatore comunale.

A un 37enne pregiudicato di Maddaloni risultaVAno intestati 260 veicoli. Aveva così garantito l'ultizzo di auto «fantasma» a un'organizzazione criminale che le usava per commettere crimini su tutto il territorio nazionale, ma anche allo scopo di evadere i pagamenti delle tasse di possesso, delle contravvenzioni al codice della strada e delle polizze assicurative (registrate a suo nome 180 violazioni per un totale di 100mila euro). Tra queste anche la Skoda su cui viaggiavano le quattro persone slave che hanno trovato la morte nel tragico incidente stradale verificatosi sulla statale 372 “Telesina” all’altezza del comune di Alvignano, lo scorso 16 gennaio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

Il Comune installa gli autovelox. “Troppi incidenti”

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il violento impatto poi le fiamme, bilancio pesante: morto e feriti

  • Cronaca

    Boom di guariti nel casertano in 24 ore ma ci sono 5 vittime

  • Cronaca

    Pizzo all'imprenditore, 2 arresti. "I soldi per Zagaria e 'ndrangheta"

  • Incidenti stradali

    Pasquale e Chiara tornano a casa dopo la tragedia in Toscana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento