Condannato Della Gatta per gli spari nel centro migranti

Pena più bassa rispetto alla richiesta della Procura

L'imprenditore Carmina Della Gatta

Carmine Della Gatta è stato condannato. Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Napoli Nord Paone ha comminato una pena di 4 anni ed 8 mesi di carcere per l’imprenditore di Gricignano d’Aversa accusato di aver sparato, nello scorso mese di novembre, contro il 19enne Alagiee Bobb che viveva nel centro di accoglienza ‘La Vela’.

Sull’imprenditore (difeso dall’avvocato Giovanni Cantelli) pendeva una richiesta di condanna da parte del pubblico ministero più alta, ma alla fine il giudice ha riconosciuto come attenuante il risarcimento del danno offerto dall’imprenditore.

Secondo la ricostruzione della Procura di Napoli Nord, a novembre scorso il gambiano diede fuoco alla stanza del centro in cui era ospitato. Della Gatta raggiunse quindi il luogo armato di pistola e colpì il giovane al volto. L’imprenditore ha sempre raccontato di aver reagito anche perché il gambiano lo colpì al volto con una pietra. Il centro fu anche chiuso dalla Prefettura in seguito a quell’episodio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento