Debiti del Ministero, botta e risposta tra Golia e la maggioranza

Si alzano i toni dello scontro sul giallo del credito vantato dal Comune

Raffaele De Gaetano e Alfonso Golia

Si alzano i toni dello scontro tra il consigliere comunale del PD di Aversa Alfonso Golia e alcuni membri dell’amministrazione, colpevoli secondo l’esponente Dem di aver detto il falso in merito a presunti crediti vantati dal Comune nei confronti del Ministero della Giustizia per i canoni di rifiuti e acqua.

A stretto giro è arrivata la replica del consigliere comunale Raffaele de Gaetano, che ha accusato Golia di “sollevare inutili polemiche sui media”, invece di cercare “chiarimenti nelle sedi opportune, ovvero in sede di commissione bilancio”. Secondo De Gaetano “da mesi abbiamo affrontato la questione relativa ai tributi versati dal Tribunale di Napoli Nord. Dopo un lungo e tortuoso iter, abbiamo appurato che il Tribunale di Napoli Nord non è moroso nei confronti del Comune di Aversa. Intanto, come commissione consiliare bilancio, stiamo effettuando ulteriori verifiche in quanto dal passaggio del soggetto di Polizia Penitenziaria a Tribunale di Napoli Nord, sono state necessarie delle verifiche di natura tributaria”.

Dello stesso avviso è anche Renato Oliva, presidente della commissione consiliare bilancio: “Se la questione legata ai tributi del Tribunale di Napoli Nord fosse stata affrontata nelle sedi opportune, ovvero in uno degli incontri della commissione bilancio, non ci troveremmo dinnanzi a questa polemica. A noi le polemiche sterili non piacciono. Piace chi lavora, anche in silenzio, per la nostra città e piace chi solleva i problemi e le discussioni nelle sedi opportune piuttosto che sui giornali, evidentemente, solo per ottenere un like in più”.

Secondo Golia, che replica ai due esponenti della maggioranza De Cristofaro, la stessa sarebbe “sull'orlo di una crisi di nervi”. “Ai miei colleghi – attacca il consigliere Pd - sfugge un piccolo dato che a far uscire sulla stampa per 7 giorni la notizia che il comune vantava un credito di svariati milioni di euro dal ministero di Grazia e giustizia non sono stato io ma autorevoli esponenti della loro parte politica. Mi viene da pensare che leggono solo articoli interessanti del sottoscritto e meno quelli dei colleghi di maggioranza. Evidentemente attaccano me perché non possono prendersela con chi ha passato questa fake news ai giornali lo scorso 22 febbraio. Io mi sono limitato a fare un semplice sopralluogo negli uffici tributi e ragioneria per chiedere la reale situazione debitoria del ministero non ritenendo necessario dover richiedere una convocazione per una commissione ad hoc e far passare altri giorni. Carte alla mano ho solo dimostrato che dall'amministrazione comunale “davano i numeri” e chiesto scusa al ministero per le castronerie provenienti da esponenti di maggioranza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • L'abbandono, poi le lacrime e l'abbraccio: 'C'è Posta per Te' riunisce padre e figlio del casertano

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Un boato in pieno coprifuoco: bomba esplode davanti a tabacchi

Torna su
CasertaNews è in caricamento