Morto sulla Casilina, appello dei familiari di Danilo

Nominato un avvocato: andrà verificato se il guardrail fosse a norma o se qualche “elemento” possa aver fatto da turbativa. Intanto si cercano testimoni

Danilo Riccio morto a seguito di un incidente sulla Statale Casilina

Cos’è successo a Danilo? E’ stata una qualche “turbativa” a fargli perdere il controllo della sua auto? E perché il guardrail non ha retto all’urto infilzando il veicolo anziché trattenerlo sulla carreggiata? Non sanno darsi pace, e sono tormentati da mille interrogativi, i familiari di Danilo Riccio, il 35enne originario di San Pietro Infine, ma da poco trasferitosi a Piedimonte San Germano nella vicina provincia di Frosinone, rimasto vittima di un tragico incidente all’alba di domenica 9 agosto sulla Statale Casilina.

Il giovane, che lavorava come elettricista per un’azienda del cassinate, quella maledetta mattina, verso le 6, stava procedendo sulla sua Bmw lungo la Statale 6 quando, giunto all’altezza del km 165 + 700, nel territorio del comune di Presenzano, ha improvvisamente sbandato, invadendo la corsia opposta, sfondando la barriera, che si è anche conficcata nella parte anteriore del mezzo, e finendo nel terreno adiacente. Una carambola tremenda che non ha lasciato scampo a Danilo, deceduto pressoché sul colpo in seguito ai gravissimi politraumi riportati: per estrarlo dall’abitacolo ridotto a un groviglio di lamiere contorte sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco di Caserta.

I familiari della vittima non riescono a capacitarsi dell’accaduto (anche perché Danilo la Casilina la percorreva spesso e la conosceva bene) e chiedono dunque che vengano svolti con cura tutti gli accertamenti e che non si archivi frettolosamente il caso come una fuoriuscita autonoma: i rilievi sono stati effettuati dai carabinieri di Caserta e la Procura di Cassino, per il tramite del pm Beatrice Siravo che da prassi ha aperto un fascicolo, ma non ha ritenuto di disporre l’autopsia sulla salma dando subito il nulla osta per i funerali, già celebrati martedì 11 agosto a San Pietro Infine.

I congiunti di Danilo, attraverso il responsabile della sede di Roma, Angelo Novelli, hanno perciò deciso di affidarsi a Studio3A-Valore Spa, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che ha già fatto richiesta alle autorità inquirenti di acquisire tutta la documentazione per approfondire una serie di aspetti ancora poco chiari della drammatica vicenda. Ad esempio, andrà verificato se quel guardrail fosse a norma, data la sua “reazione” all’urto, contraria a quella che ci si sarebbe aspettati, o se qualche “elemento” possa aver fatto da turbativa rispetto alla marcia della vettura: nei pressi del luogo del sinistro è stata rinvenuta la carcassa di un cinghiale, e i familiari vorrebbero capire se la perdita di controllo della Bmw possa essere dipesa dall’investimento dell’ungulato o da una manovra in extremis per evitarlo.

Al riguardo, la famiglia Riccio e lo Studio3A lanciano anche un appello ad eventuali testimoni dell’incidente o delle fasi immediatamente precedenti o successive: chi avesse informazioni utili per fare piena luce sulla dinamica del sinistro può contattare i carabinieri di Caserta o lo Studio3A al numero verde 800090210.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento