Covid Center a Caserta, indaga la Procura: blitz a casa del dirigente

Carabinieri anche nell'ufficio del manager dell'Asl, sequestrato lo smartphone

Va avanti l'inchiesta sulla realizzazione dei Covid Center tra Ponticelli, Caserta e Salerno. Come rivela NapoliToday i carabinieri, su delega della Procura, hanno perquisito casa e ufficio del manager dell'Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva. Il dirigente non era a Napoli ma è stato costretto a tornare nella città partenopea: sequestrato anche il telefono cellulare. 

L'ipotesi di reato formulata dai magistrati a proposito dell'inchiesta è concorso in turbativa d’asta e frode in pubbliche forniture: al centro degli accertamenti la gara regionale, da 15,5 milioni di euro, che si è aggiudicata a metà marzo un’azienda di Padova per costruire un campo di moduli prefabbricati con all'interno 72 nuovi posti letto di terapia intensiva nel parcheggio del nosocomio napoletano, a Caserta e a Salerno. La procedura fu conclusa – si era in pienissima emergenza Coronavirus – in meno di un giorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda è intervenuta anche la candidata del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Campania Valeria Ciarambino ha commentato: "Ci sono gravi ombre sulla gestione degli appalti". Molte le cose da approfondire per l'esponente pentastellata: "Il consigliere regionale Cascone che, fedelissimo del governatore, in barba a ogni norma di trasparenza, si autonomina volontario in appalti pubblici e fiduciario di Soresa, la ditta aggiudicataria dell’appalto per i tre ospedali prefabbricati che comincia a lavorare 5 giorni prima dell’uscita del bando" e ancora "opere in ritardo di tre mesi rispetto ai 18 giorni previsti e lo strano caso dei collaudi mai eseguiti che impediscono l’apertura di due delle tre strutture modulari". La richiesta è al ministro Lamorgese: "Cosa aspetta a commissariare Asl Napoli 1?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Violento temporale sul casertano: strade allagate. E' già caos | FOTO E VIDEO

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Tra i rifiuti spunta una fattura: vigili urbani incastrano il "mago delle cantine" | FOTO

  • Trasforma la tettoia in mansarda, 'condannato' dal giudice

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento