menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca

Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca

Vigili assunti nello staff, la Corte dei Conti indaga De Luca. "Danno da 403mila euro"

Il Governatore della Campania citato a giudizio dalla Corte dei Conti

La Procura regionale della Corte dei Conti della Campania ha depositato un atto di citazione in giudizio nei confronti del presidente Vincenzo De Luca, per un danno stimato dalla magistratura contabile pari a 403.643,21 euro. La vicenda riguarda le assunzioni di quattro ex vigili urbani di Salerno negli uffici di diretta collaborazione della presidenza. Nel trasferimento si sarebbe concretizzato uno sperpero di denaro pubblico.

I magistrati della Procura contabile, nell'arco di questi anni, hanno passato al setaccio, con discrezione, tutti gli aspetti relativi alle assunzioni negli uffici di staff della Regione Campania degli ex vigili urbani: le assunzioni negli uffici di diretta collaborazione della presidenza della Campania possono essere determinate da criteri di fiducia ma la qualificazione economica deve attenersi a determinate caratteristiche, che variano in virtù dell'incarico ricoperto. Questo l'assunto sulla base del quale quattro anni fa, la Procura regionale della Corte dei Conti della Campania si era attivata per scoprire se l'assunzione avesse potuto comportare uno sperpero di denaro pubblico. L'invito a dedurre notificato riguardava anche un dirigente amministrativo ma la sua posizione è stata successivamente stralciata. La notifica è avvenuta una settimana fa ma se ne è avuta notizia solo nella tarda serata di lunedì.

Le nomine dei vigili sono state di recente sospese. A Gianfranco Baldi era stato affidato il compito di occuparsi dei rapporti con la conferenza Stato-Regioni e la conferenza unificata e organi legislativi nazionali; a Giuseppe Muro i rapporti con i consiglieri regionali; a Giuseppe Polverino i rapporti con la presidenza del Consiglio regionale ed a Claudio Postiglione i rapporti con strutture regionali e istituzioni locali. Particolare curioso, la citazione in giudizio doveva essere notificata proprio il giorno prima a quello in cui la Campania è andata in lockdown ed è per questo slittata alla settimana scorsa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Troppi contagi, il sindaco non si fida: "Le scuole restano chiuse"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Caterina Balivo torna in tv su Rai 1

  • social

    Blue Monday 2021, oggi è il giorno più triste dell'anno

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento