Corruzione, imprenditore casertano nell'inchiesta col consigliere regionale

Un 60enne di San Cipriano d'Aversa ma residente a Casapesenna è finito al centro di un'inchiesta della Procura di Roma

Il porto di Civitavecchia

Corruzione, chiusa l'inchiesta sull'autorità portuale: in 9 sono a rischio processo. Come riporta il Corriere della Sera il procuratore aggiunto di Roma Paolo Ielo e il pm Luigia Spinelli hanno chiuso l’inchiesta, avviata nel 2011, su un presunto episodio di corruzione che ha riguardato l’autorità portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta. La procura ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini, atto che di norma anticipa la richiesta di rinvio a giudizio, a nove persone tra cui Giuseppe Simeone, consigliere regionale di Forza Italia e Pasqualino Monti, ex presidente dell’autorità portuale. Nel procedimento sono coinvolti anche alcuni imprenditori, tra i quali un 60enne di San Cipriano di Aversa, C. A., ma residente a Casapesenna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento