rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Soldi e regali all'ex garante dei detenuti, annullata accusa di corruzione: "Doni d'amore"

La contestazione cade al Riesame ma i fratelli Borrata rispondono ancora di ricettazione di un telefono

Nessun patto corruttivo. I regali alla garante dei detenuti per la provincia di Caserta Emanuela Belcuore sarebbero stati "gesti d'amore". Lo ha stabilito il tribunale del Riesame di Napoli che ha annullato la contestazione di corruzione nei confronti di Mario e Sara Borrata, fratello e sorella di Casal di Principe.

Secondo l'accusa, i due avrebbero dato soldi e regali, tra cui anche delle scarpe Gucci, all'ex garante affinché Mario Borrata, detenuto a Santa Maria Capua Vetere per omicidio, avesse un trattamento di riguardo grazie alle attenzioni della garante e ai suoi buoni uffici presso la direzione dell'istituto.

Anche i regali che Belcuore avrebbe ricevuto tramite la sorella di Borrata, Sara, proprietaria di un negozio di abbigliamento a Casal di Principe, non sarebbero stati il prezzo della corruzione, ma semplici doni dovuti alla relazione che la garante avrebbe avuto con Borrata.

I giudici del Riesame hanno accolto, parzialmente, la tesi del difensore dei fratelli Borrata, Angelo Raucci, che ha dimostrato, tramite soprattutto comunicazioni telefoniche intercorse tra le parti, che le scarpe Gucci come i vestiti e i soldi regalati alla Belcuore - dimessasi dal ruolo di garante nel luglio 2023 - non fossero legati ai presunti favori che, per la Procura di Santa Maria Capua Vetere, l'ex garante avrebbe fatto a Borrata, ma si trattasse invece di regali d'amore.

Per fratello e sorella, però, permangono le esigenze cautelari per il reato di ricettazione riguardante un telefonino che Borrata avrebbe utilizzato in cella. Mario Borrata, già in cella per l'omicidio di Pietro Capone, era stato colpito da misura carceraria, la sorella Sara era invece finita agli arresti domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soldi e regali all'ex garante dei detenuti, annullata accusa di corruzione: "Doni d'amore"

CasertaNews è in caricamento