Corruzione in Comune, la Procura deposita altre mille pagine di accuse contro sindaco e 19 imputati

Si apre con un colpo di scena l'udienza preliminare per Sagliocco e le altre persone coinvolte nella maxi inchiesta

L'ex sindaco Andrea Sagliocco

Altre accuse contro l'ex sindaco di Trentola Ducenta Andrea Sagliocco ed altre 19 persone. Nel corso della prima udienza preliminare la Procura di Napoli Nord ha depositato ulteriori atti, per circa 1000 pagine complessive, di indagini integrative sia da parte dell'accusa sia sollecitate dai difensori degli indagati. In particolare, nel fascicolo del giudice Vera Iaselli, sono finite nuove deposizioni, una nota dei carabinieri ma anche atti di altri procedimenti penali, evidentemente connessi con le vicende trentolesi. L'udienza preliminare riprenderà nella seconda metà di ottobre. 

Con Sagliocco rischiano il processo Giovanni Addario, 38 anni di San Prisco; Elena Bassolino, 52 anni di Sant'Anastasia; Aurelio Costanzo, 37 anni di Trentola Ducenta; Salvatore De Marco, 54 anni di San Marcellino; Mena Esposito, 53 anni di Trentola Ducenta; Agostino Fabozzi, 62 anni di Trentola Ducenta; Alfredo Fabozzi, 47 anni di Aversa; Antonella Fabozzi, 45 anni di Aversa; Saverio Fabozzi, 68 anni di Trentola Ducenta; Mauro Felaco, 39 anni di Casaluce; Saverio Griffo, 45 anni di Trentola Ducenta; Luigi Letizia, 57 anni di Casal di Principe; Luigi Lorvenni, 52 anni di San Marcellino; Salvatore Mazzara, 47 anni di Trentola Ducenta; Giuseppe Melucci, 54 anni di Trentola Ducenta; Raffaele Ranucci, 58 anni di Trentola Ducenta; Tammaro Volpe, 45 anni di Parete; Nicola Zagaria, 34 anni di Trentola Ducenta. 

Gli indagati sono stati coinvolti nella maxi inchiesta dei carabinieri che aveva svelato una fitta rete di rapporti illeciti tra esponenti politici, imprenditori e dipendenti del Comune che avrebbe permesso il rilascio di autorizzazioni e l'affidamento di lavori pubblici in violazione del codice degli appalti.

L'indagine aveva fatto luce su un sistema illecito della gestione degli affidamenti diretti attuato dal Comune di Trentola Ducenta col beneplacito di funzionari, impiegati e collaboratori tramite ostruzionismo amministrativo a carico di imprenditori locali che per evitare il blocco delle concessioni hanno ceduto alle richieste di assunzioni pilotate da parte degli indagati. Nel calderone dell'illegalità emersero scabrose situazioni riguardanti imprenditori locali che elargivano favori in cambio di autorizzazioni amministrative illecite.

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Felice Belluomo, Stefano Montone, Alfonso Quarto, Gabriele Piatto, Arcangelo D'Alessio, Raffaele Rianna, Gennaro Barbato, Bartolomeo Mariniello, Ferdinando Trasacco, Roberto Saccomano, Pasquale Davide De Marco, Vincenzo Alesci, Clemente Anselmi, Arturo Caiazzo, Vincenzo Di Vaio, Luciano Fabozzi, Vincenzo Motti e Carlo De Stavola. Il Comune di Trentola Ducenta è tra le parti offese del procedimento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento