Zona rossa a Letino, il ‘caso zero’ è un infermiere che stava andando al Nord

Il sindaco Orsi ricostruisce la genesi dei contagi in paese e fissa l'obiettivo: "Tamponi al 100% della popolazione"

Il 'caso zero' a Letino è un infermiere che stava andando al Nord. Il sindaco Pasquale Orsi ricostruisce l'intera genesi dei contagi da Covid-19 in paese, dopo l'impennata dei casi positivi (10 registrati nella sola giornata di sabato 16 maggio), che ha di fatto costretto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ad ordinare la 'zona rossa' fino al 20 maggio. 

"Solo in data 11 aprile, in modo alquanto fortuito, viene diagnosticato il primo caso di un infermiere in partenza per la Valle d'Aosta come volontario con la task force della Protezione civile e, sottoposta al tampone l'intera famiglia, si scopre la positività anche della moglie, entrambi asintomatici ed entrambi adesso risultati negativi al secondo tampone", spiega il sindaco Orsi.

"In data 4 maggio, un altro infermiere di rientro al lavoro dopo circa due mesi presso il 'Regina Elena' di Roma, anch'esso asintomatico, sottoposto a tampone risulta positivo - aggiunge il primo cittadino di Letino - Un'amministrazione attenta, a questo punto si pone il problema non solo di applicare i protocolli ma di capire e conoscere quanti altri casi positivi e asintomatici potessero essere presenti nella popolazione al fine di circoscrivere il più possibile gli eventuali focolai e, anche se questa poteva rappresentare una scelta impopolare, è stato ciò che abbiamo fatto. Infatti con l'Asl abbiamo organizzato una campagna di screening con test rapidi. Da questo primo test sono risultate positive 23 persone, le quali, immediatamente sottoposte a tampone hanno confermato 10 casi positivi al Covid-19, tutti asintomatici e già in isolamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora l'obiettivo fissato dal sindaco è quello di sottoporre il 100% della popolazione a test rapidi e tamponi. "La nostra amministrazione ha deciso, con il supporto dell’Asl di prevenire i contagi e non subirli nel corso del tempo - conclude il sindaco Pasquale Orsi - È stata una decisione dura, per certi versi forse anche impopolare, ma per noi amministrare significa fare il possibile e non assistere inermi agli eventi storici. Sottoporremo la popolazione sia ad indagine sierologica che a tampone. Nella sola giornata di sabato 16 maggio sono state testate ben 362 persone e si continuerà fino ad interessare la totalità della popolazione residente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento