menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“In Campania la variante spagnola del Covid”

Un progetto, del quale fa parte anche l'Università 'Vanvitelli' di Caserta, monitora la diffusione del virus nella nostra Regione

Al Dipartimento di Medicina dell’Università di Salerno, a Baronissi, dal marzo scorso vengono costantemente monitorate le varianti del Coronavirus in Campania. Un gruppo di ricerca del Laboratorio di medicina molecolare e genomica lavora al progetto "Monitoraggio della diffusione e variabilità genomica del virus Covid-19 in Campania mediante tecnologia di sequenziamento genomico NGS", finanziato dalla Regione al quale partecipa anche l’Universita 'Vanvitelli' di Caserta. La ricerca si basa sulla mappatura genetica sistematica del Sars-CoV-2 e sull’applicazione di tecnologie molecolari per il sequenziamento del genoma virale e dei ‘big data’ per tracciare le dinamiche di diffusione del virus nella popolazione.

A coordinare il gruppo di lavoro il professor Alessandro Weisz, direttore del Laboratorio e docente del dipartimento di Medicina dell’ateneo di Salerno e del Centro di Ricerca genomica per la Salute. Come riporta NapoliToday Weisz rivela che "la variante di virus comparso in Cina un anno fa è praticamente scomparso da tempo in tutta Europa, soppiantato da varianti che presentano differenze nella sequenza di alcune porzioni del genoma".

Per quanto riguarda il virus che sta circolando attualmente in Campania, Weisz spiega: "La situazione è variegata, perché ci sono almeno quattro principali varianti che ritroviamo sistematicamente, tra cui una osservata per la prima volta nel sud della Spagna poco prima dell’estate e rapidamente diffusasi anche qui da noi a partire da settembre, veicolata con ogni probabilità da viaggiatori che, al ritorno da quel paese dopo i mesi estivi, hanno causato la sua diffusione per mancanze delle dovute precauzioni. È una variante che non presenta caratteristiche di maggior pericolosità rispetto alle residenti, per cui non ha destato preoccupazione, a differenza della variante cosiddetta inglese, sulla quale c’è maggiore attenzione per alcune caratteristiche biologiche che potrebbe avere, in particolare quella di potersi diffondere più facilmente. In Campania, comunque, ad oggi non l’abbiamo riscontrata. Lo stesso vale per altre varianti, come quella di recente osservata in Sud Africa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

Insegnante della scuola media positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento