menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Impennata di contagi, stretta del sindaco. "I giovani non possono circolare dopo le 20"

L'ordinanza firmata dal sindaco: chiusi tutti i circoli e i parchi pubblici

Nuova stretta del sindaco di San Prisco, Domenico D'Angelo, per fermare l'impennata di contagi e per dare 'risposte' dopo la nota dell'Asl di Caserta che ha inserito San Prisco nella 'fascia di contenimento rossa'. Il primo cittadino ha disposto, fino al 14 marzo, "il divieto di consumazione di alimenti e bevande all’aperto nei luoghi pubblici ed aperti al pubblico, per l’intera giornata". Ma non solo perché c'è anche "il divieto dei minori di circolare a partire dalle 20 senza l’accompagnamento dei genitori".

E quindi anche "il divieto di svolgimento delle attività sportive e ludiche di gruppo, nei parchi ed aree verdi; la chiusura al pubblico di tutti i parchi, giardini presenti in tutto il territorio comunale; la chiusura dei centri culturali, sociali, ricreativi, sportivi e assimilabili". 

Viene inoltre raccomandato ai titolari delle attività commerciali "la rigorosa osservanza dei protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento, con particolare riguardo al contingentamento degli ingressi rispetto alla superficie dei locali e alla misurazione della temperatura corporea". 

L’inosservanza dell'ordinanza sarà punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 a 1000 euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento