menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luigi Umberto Petrella

Luigi Umberto Petrella

Il sindaco sconfigge il Covid dopo 22 giorni: "E' stato difficile. Non abbassiamo la guardia"

L'annuncio di Petrella dopo la guarigione: "Dovrò restare a casa altri 10 giorni per proseguire le cure"

"Dopo 22 giorni sono guarito". Lo annuncia il sindaco di Castel Volturno Luigi Umberto Petrella che era risultato positivo al Coronavirus lo scorso 10 novembre.

Il primo cittadino castellano spiega come dovrà proseguire per altri 10 giorni, tra le mura domestiche, la terapia avviata al centro Covid allestito alla clinica Pineta Grande dove è stato anche ricoverato. "È stato un decorso difficile - racconta il sindaco in un lungo post su Facebook - con alternanze di ricadute, organismo debilitato causato da sopraggiunta insufficienza respiratoria, ipossia acuta secondaria a polmonite interstiziale bilaterale, alla fine ne sono uscito, ringrazio i medici e gli infermieri del centro Covid di Pineta Grande per la professionalità, la pazienza, l’amore per il proprio lavoro, la grande disponibilità nei confronti dei tanti pazienti affetti da Covid 19, un ringraziamento ai miei concittadini per le tante manifestazione di affetto che mi avete dimostrato, chiedo scusa ai tanti messaggi a cui non ho avuto la forza fisica, morale e psicologica per poter rispondere, non mancherò di farmi perdonare questa mia mancanza".

Riguardo questa terribile pandemia "mi sento di dire - prosegue Petrella - che non bisogna sottovalutarla né tantomeno distrarsi, seguire scrupolosamente e con molto rigore tutte le regole anti Covid 19, mai abbassare la guardia, bisogna mantenere il distanziamento sociale, indossare correttamente la mascherina e lavarsi spesso le mani. Voglio augurare ai tanti pazienti affetti da Covid che si sono ritrovati nelle mie stesse condizioni, se non peggiori, di guarire presto per un ritorno alla normalità. Un invito speciale lo voglio rivolgere ai più giovani, riconosco che gran parte sono responsabili, ma bisogna che ognuno faccia la propria parte essendo pienamente coscienti che i ragazzi sono potenziali contagi, il virus può essere contratto anche senza sintomi e possono diventare potenzialmente contagiosi, mettendo in serie difficoltà gli anziani, genitori e nonni e tutti coloro che hanno altre gravi patologie. Dobbiamo restare uniti, ognuno di noi deve essere responsabile di se stesso a salvaguardia dell’ incolumità degli altri. Andrà tutto bene, insieme ce la faremo. Presto ci riprenderemo la nostra stupenda vita quotidiana", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento