menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuole ancora chiuse, due sindaci firmano la proroga

Gli amministratori hanno deciso di attendere i risultati dello screening sulla popolazione scolastica

Due amministratori dell'agro aversano, il sindaco di San Cipriano d'Aversa, Vincenzo Caterino, e Valerio Di Fraia, vicesindaco di Villa Literno, hanno prorogato la chiusura delle scuole cittadine. Due provvedimenti diversi che partono però entrambi da una deduzione logica: oggi ci sono ancora troppi contagi e non sarebbe saggio mandare a scuola bambini e giovani che comunque stanno continuando nell'istruzione a distanza. 

Il vicesindaco di Villa Literno, Di Fraia, ha deciso di firmare "una nuova ordinanza di chiusura delle scuole pubbliche e private sul territorio comunale fino al 7 dicembre con rientro previsto il 9. Lunedì vi aggiorneremo, in attesa dei dati relativi allo screening regionale sulla popolazione scolastica e dei dati epidemiologici che risultano essere in discesa ma che restano ancora alti".

Il sindaco di San Cipriano d'Aversa, Caterino, ha invece di chiudere i plessi qualche giorno in meno, ma con proroghe già pronte da firmare: "Si rende noto alla cittadinanza la sospensione delle attività didattiche in presenza della scuola dell'infanzia, primaria, secondaria di primo grado nonché delle scuole paritarie e private presenti sul territorio comunale per il giorno 3 e 4 dicembre 2020. Fatta eccezione per lo svolgimento delle attività destinate ad alunni affetti da disturbi autistici e diversamente abili". Quindi ripresa a San Cipriano fissata per il 9 dicembre (7 dicembre è ponte nel calendario scolastico e l'8 dicembre è l'Immacolata Concezione). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Troppi contagi, il sindaco non si fida: "Le scuole restano chiuse"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Caterina Balivo torna in tv su Rai 1

  • social

    Blue Monday 2021, oggi è il giorno più triste dell'anno

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento