Cronaca Casal di Principe

“Positivo al Covid, costretto ad uscire per i tamponi alle mie figlie”

La storia raccontata a CasertaNews da un cittadino di Casal di Principe: “Assistenza nulla da parte dell’Asl”

Una storia che arriva da Casal di Principe. Che racconta, ancora una volta, una falla nel sistema. Errori che si accavallano e che dimostrano, qualora ce ne fosse bisogno, che per uscire da questa maledetto pandemia serve ancora fare tanta strada. C’è un papà che è stato costretto a violare una legge, e una Asl (con tutto un sistema sanitario) che non è riuscita a garantire un diritto.

La storia dicevamo arriva da Casal di Principe dove un papà di due bambine, positivo al Covid-19, è stato costretto a violare la quarantena domiciliare per accompagnare le proprie figlie a fare il tampone molecolare. E a spiegarlo è lui stesso, che giustamente preferisce restare nell’anonimato: “Ho scoperto di essere positivo al Covid quasi per caso, per un controllo sul posto di lavoro. Sono rimasto a casa senza alcun sintomo, e stavo vivendo la mia quarantena domiciliare. Ma poi è arrivata la paura: le mie due bambine hanno accusato i primi sintomi di febbre e dolori per tutto il corpo. Essendo positivo ho avvisato immediatamente il mio medico di base di quello che stava accadendo. E subito è stato previsto il tampone molecolare per entrambe”.

Solo che qualcosa è andato storto: “Sono passati i giorni e nessuno dall’Asl ci ha chiamato per venire a casa. Intanto le mie bambine avevano la febbre, ed io non sapevo se fosse Covid oppure no. Ho chiamato, insieme a mia moglie, decine di volte all’Asl per avere risposta. Quando avevo l’opportunità di parlare con un operatore spesso non riusciva a darmi indicazioni valide”. Fino a quando “c’è stato un operatore che mi ha detto che sarebbero potuti passare anche 15 giorni per un tampone molecolare a casa. A quel punto non ho capito più nulla, dovevo necessariamente conoscere le condizioni delle mie figlie”.

E quindi chiama l’Asl e il suo medico di base e prenota il tampone al drive-in ad Aversa solo che “non avevo nessun parente che potesse accompagnare le bambine ad Aversa”. E quindi, nonostante fosse positivo al Covid, “ho deciso di uscire di casa e di recarmi al drive-in per i tamponi. Posso semplicemente dire che lì non ero l’unico ad essere positivo, in tanti, troppi, abbiamo capito che l’assistenza domiciliare non è soddisfacente per non dire nulla. Ho sicuramente sbagliato ma non me ne faccio una colpa. Non potevo più aspettare, dovevo tutelare la salute delle mie bambine. Non potevo fare altro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Positivo al Covid, costretto ad uscire per i tamponi alle mie figlie”

CasertaNews è in caricamento