Coronavirus, pazienti trasferiti da Villa delle Magnolie dopo i contagi

L'Asl ha disposto i test Covid per gli ospiti della struttura e le loro dimissioni

Pazienti trasferiti da Villa delle Magnolie

Test Covid e dimissioni per tutti gli ospiti di Villa delle Magnolie dopo i riscontrati casi di Coronavirus. Lo ha deciso la direzione generale dell'Asl di Caserta disponendo il trasferimento dalla struttura sanitaria di Castel Morrone dei pazienti, circa 40, presso altri presidi ospedalieri o presso il proprio domicilio. 

Il provvedimento è stato adottato al fine di scongiurare che i focolai nati all'interno della clinica, principalmente nel reparto di neurologia, potessero allargarsi a macchia d'olio. La scelta è stata protesa, dunque, alle dimissioni ad horas di tutti i pazienti. Per i degenti di Neurologia andranno fatti i tamponi così come per il personale (che non potrà lavorare in altri reparti) che opera in reparto. Test rapidi per gli altri, personale e degenti, degli altri reparti della struttura.

Per i casi di positività da Covid-19 è stato previsto il trasferimento presso i nosocomi dedicati, per i casi di sospetta positività al Coronavirus verrà attuato il monitoraggio dall'Uopc competente territorialmente. Per i restanti degenti permangono le dimissioni immediate. 

Già era stata inoltrata la procedura dimissionaria degli 'ospiti' della residenza assistenziale al verificarsi della prima positività. L'attuazione delle forme di contenimento al fine di evitare possibili rischi di contagio è stata la strada intrapresa dalla dirigenza sanitaria casertana. 

Era stato il sindaco di Castel Morrone Gianfranco Della Valle, "in ragione della notizia di ulteriori casi di contagio epidemiologico da Covid 19 rilevati presso la struttura di Villa delle Magnolie", a sollecitare l'Asl, l'unità di crisi della Regione Campania e la Prefettura, vedendosi accogliere le sue richieste con l'intervento dell'azienda sanitaria di Caserta, riservandosi "l’adozione di ulteriori provvedimenti a tutela della popolazione residente". 

A Villa delle Magnolie si erano verificati ben 3 casi tra i pazienti (un uomo di San Cipriano d'Aversa, uno di Casagiove e una persona di Alvignano) oltre a un medico di Santa Maria Capua Vetere che ha intrattenuto un rapporto di collaborazione con la struttura sanitaria. 

Nelle scorse settimane, inoltre, un giudice del tribunale civile di Santa Maria Capua Verere aveva ordinato alla struttura di fare il tampone su un paziente prima delle dimissioni in quanto "non poteva escludersi" un contagio, visti i casi già acclarati presso la clinica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento