Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Il contagio rallenta, i morti no: 21 decessi in 7 giorni

Le persone monitorate scendono di 830 unità. Aversa e Marcianise restano i centri più colpiti. Intanto lunedì partono le prime vaccinazioni, allestita una postazione all'ospedale di Caserta

Il contagio da Covid-19 rallenta, i morti no. E' la sintesi dell'andamento della curva epidemica in provincia di Caserta, peraltro in linea con il trend regionale. Nel corso della settimana dal 18 al 24 dicembre sono 21 i decessi registrati dall'Asl in Terra di Lavoro, 370 dall'inizio della pandemia. Una media di 3 morti al giorno che impone (almeno dovrebbe) ai vertici del comparto sanità e dell'esecutivo regionale una riflessione partecipata. Soprattutto alla luce dei dati, invece rassicuranti, che arrivano dal fronte dei contagi, dove si registra una flessione, seppur lieve. In sette giorni (dal 18 al 24 dicembre, nda) sono risultate positive 1122 persone; mentre ben 1940 pazienti sono stati dichiarati clinicamente guariti. Alla luce di questi dati le persone monitorate in provincia di Caserta, perchè ancora positive al Covid-19, scendono di 830 unità.

Le 10 città con più contagiati

Aversa e Marcianise restano i centri maggiormente colpite dal coronavirus. Secondo l'ultimo bollettino diffuso dall'Asl di Caserta, nella città normanna ci sono ancora 403 pazienti positivi al Covid, mentre nella comunità marcianisana 316. Nella triste 'Top 10' delle città con più alto numero di contagiati seguono Maddaloni (273 positivi attuali), Caserta (265), San Felice a Cancello (195), Orta di Atella (172), Santa Maria Capua Vetere (169), Sessa Aurunca (168), Casal di Principe (152) e Castel Volturno (140).

"V-Day": 100 dosi di vaccino all'ospedale di Caserta

Intanto oggi (domenica 27 dicembre) scatta il V-Day, il via alla campagna vaccinale (Pfizer/BionTech). Ed è per questo che sono state attivate sette postazioni in altrettanti ospedali della Campania: Sant'Anna e San Sebastiano (Caserta); Cotugno, Cardarelli, Ospedale del Mare (Napoli); Moscati (Avellino); San Pio (Benevento); Ruggi d'Aragona (Salerno). In ogni presidio saranno somministrate le 100 dosi di vaccino previste, a operatori sanitari e medici ancora oggi in prima linea nella lotta al Covid. Il via alle vaccinazioni è previsto in ogni struttura alle ore 10 circa. Saranno vaccinati, a partire dalle ore 13, anche 20 operatori di una residenza per anziani dell'Asl Napoli 1. Per quanto riguarda invece le vaccinazioni al resto della popolazione, le somministrazioni partiranno martedì 29 dicembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il contagio rallenta, i morti no: 21 decessi in 7 giorni

CasertaNews è in caricamento