menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fuochi d’artificio nel giorno più triste del Covid, la rabbia del sindaco

Quattro decessi in appena 48 ore, il primo cittadino lancia l'allarme: "Questo virus uccide tutti"

Quattro famiglie piangono per la scomparsa dei propri familiari a causa di questo maledetto Covid-19 e c'è addirittura chi festeggia (chissà che cosa) con i fuochi d'artificio. E' davvero surreale quello che sta accadendo in questo mondo che di 'normale' sembra avere davvero sempre meno. Cesa ha vissuto uno dei momenti più tragici della sua esistenza, 3 morti in 24 ore che diventano 4 se si calcolano gli ultimi 2 giorni. Una tragedia vera e propria che sta colpendo in maniera brutale la piccola comunità guidata dal sindaco Enzo Guida. Una comunità tra le più colpite dell'intera provincia di Caserta. 

Eppure c'è chi si diverte con i fuochi d'artificio: "Non comprendo, in un momento di lutto, cosa giustifichi ciò - ha detto Guida -. Non ho mai creduto alle ordinanza, adottate nel periodo natalizio, che impongono di non sparare i fuochi di artificio. Quest’anno la adotterò. Lo farò per rispetto di chi è morto per Covid19 e delle loro famiglie, lo farò per rispetto di chi, in questo momento, sta in ospedale lottando. Sono drammatiche le telefonate dei familiari in cerca di una bombola di ossigeno, in attesa del 118 che non risponde. Sono drammatiche le telefonate dei familiari, con la voce rotte dal pianto, quando mi informano che i loro cari sono in ospedale. Credo che non ci sarà, tra poco più di 30 giorni, un bel niente da festeggiare sparando fuochi di artificio".

Il primo cittadino poi ricorda l'ultima vittima di questo maledetto virus: "La nostra comunità è sconvolta, perché si trattava di una persona che non presentava particolari problemi di salute alla base. Per cui questo virus uccide e lo fa con tutti. Questa situazione ci fa capire come siamo vulnerabili e come abbiamo il dovere, la necessità, di proteggerci e di proteggere gli altri. Ancora questa sera mi segnalavano assembramenti su piazze e luoghi pubblici. Quando mi giungono queste notizie comprendo che la situazione non è ancora chiara a tutti. Non capisco come, a queste persone, che si assembrano, il virus non inizi a far paura. Come Comune stiamo cercando di fare la nostra parte, anche colmando i vuoti lasciati da altri enti.
Per questo annuncio che, a breve, partirà un servizio di assistenza infermieristica domiciliare, per i positivi al Covid19, gratuita. In pratica le persone potranno avere a disposizione, a casa, infermieri per qualsiasi esigenza connessa al virus". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento