Coronavirus, festino in casa e spinello in compagnia: 7 ragazzi denunciati

Nei guai anche 2 beccati con attrezzi per rubare nei negozi chiusi

Negli ultimi giorni la Polizia di Stato di Marcianise ha denunciato 9 persone per l’inosservanza delle disposizioni impartite dal Governo al fine di impedire la diffusione del famigerato virus “Covid-19”. 

Con attrezzi da ladri nella zona industriale

Nell’ambito degli specifici servizi disposti con ordinanza del Questore di Caserta, al fine di vigilare sul rispetto delle disposizioni impartite dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri che limitano la libertà di circolazione sul territorio, per contenere la diffusione del ‘Coronavirus’,, nella tarda mattinata di sabato, un equipaggio del Commissariato di polizia di Marcianise, nella zona A.S.I. sud, intimava l’alt ad una vettura, una Fiat Punto, con a bordo due soggetti i quali, originari del napoletano, fornivano spiegazioni poco attendibili in merito alla loro presenza nel casertano. Gli accertamenti successivi permettevano ai poliziotti di appurare che entrambi erano gravati da numerosi precedenti di polizia per reati contro la persona, il patrimonio, la fede pubblica e la Pubblica Amministrazione; inoltre la perquisizione del veicolo portava al rinvenimento di diversi strumenti di effrazione che i due, verosimilmente, si accingevano ad “utilizzare” approfittando della chiusura dei centri commerciali esistenti nell’area e delle ridimensionate attività delle numerose aziende ivi presenti. Pertanto, i due sospetti venivano denunciati per l’inosservanza di un provvedimento dell’autorità emesso per motivi di igiene e per il possesso ingiustificato di strumenti di effrazione. Agli stessi veniva anche notificato l’avvio del procedimento per l’applicazione, da parte del Questore di Caserta, della misura di prevenzione personale dell’allontanamento dalla provincia con foglio di via obbligatorio. Infine, nei confronti del solo conducente si procedeva ai sensi del codice della strada poiché sorpreso alla guida privo di patente, in quanto risultata ritirata lo scoro ottobre, e senza la prescritta copertura assicurativa.

Festino con gli amici: 5 denunciati

Nella giornata di domenica, invece, poco prima delle 16, sempre a Marcianise, personale del Commissariato di P. S. sorprendeva 5 giovani, 3 diciannovenni e due minori, che si erano riuniti, 2 sconsideratamente, nei pressi dell’abitazione di uno di essi, incuranti delle ormai ben note prescrizioni. Interpellati in merito ai motivi dell’assembramento i giovani, candidamente, ammettevano che erano soliti vedersi in quel luogo, pertanto ai poliziotti non restava che denunciarli per l’inosservanza delle suddette prescrizioni sanitarie ed ammonirli sulla sconsideratezza del loro atteggiamento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla panchina a fumare lo spinello

Infine, questa mattina, in un deserto parco cittadino, in Capodrise, i poliziotti hanno sorpreso due giovanissimi, seduti su di una panchina, nell’intento di consumare il classico “spinello”. Anche in questo caso, gli operanti non potevano che procedere ai sensi di legge, procedendo nei loro confronti anche alla segnalazione alla Prefettura per il possesso, finalizzato al solo consumo, del modesto quantitativo di marijuana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pentito casertano si uccide in carcere

  • La ‘Dea bendata’ bacia il casertano: vinti 50mila euro al 10eLotto

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

Torna su
CasertaNews è in caricamento