Positivi triplicati in 10 giorni, il sindaco lancia l'allarme

De Filippo: "Al momento non vi sono condizioni per la zona rossa, ma senza il rispetto delle norme si potranno adottare provvedimenti come quelli di Marcianise e Orta di Atella"

Positivi al coronavirus triplicati nel giro di appena 10 giorni. A lanciare l'allarme è il sindaco di Maddaloni, Andrea De Filippo, che nella consueta diretta facebook spiega: "Secondo l'ultimo report comunicatoci dall'Asl abbiamo al momento 131 contagiati. E pensate che nel periodo di lockdown abbiamo avuto massimo 17 casi in città, dunque il numero dei positivi attuali è quasi dieci volte superiore. Per fortuna si tratta di soggetti quasi tutti asintomatici, tuttavia abbiamo centinaia di persone poste in isolamento domiciliare".

"Al momento non vi sono condizioni da determinare la richiesta della zona rossa - assicura il sindaco De Filippo - Questo però non ci tranquillizza, perchè se non si seguono comportamenti virtuosi nessuna garanzia vi è che non si adotteranno nelle prossime settimane provvedimenti analoghi a quelli adottati a Marcianise e ad Orta di Atella. Nel giro di dieci giorni il numero dei contagiati è triplicato e qualora questa curva dovesse procedere in questa direzione ci troveremo in una situazione particolarmente pesante".

Infine l'ennesimo appello alla cittadinanza: "Evitiamo tutto quello che in questo momento non è necessario - ha affermato il primo cittadino di Maddaloni - Se ognuno non si rende consapevole del fatto che il rispetto delle norme è un elemento di garanzia verso se stesso e gli altri, non c'è Dpcm o ordinanza che tenga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento